Politica / Parlamento

Commenta Stampa

APprovato un emendamento che cancella queste parole

Lega e Pdl votano contro l'Unita nazionale in Costituzione


Lega e Pdl votano contro l'Unita nazionale in Costituzione
19/07/2012, 16:05

ROMA - Si riforma al Senato la vecchia maggioranza Pdl-Lega sulle riforme costituzionali. E lo fa assestando un duro colpo ad uno dei cardini della nostra Costituzione, l'unità "giuridica ed economica" del Paese.
Per essere esatti, si stava votando un emendamento che recita: "la funzione legislativa è altresì esercitata in forma collettiva dalle due camere quando, al fine di garantire l'unità giuridica o economica della Repubblica, il governo presenta al Parlamento un disegno di legge che, nel rispetto dei principi di leale collaborazione e di sussidiarietà, interviene nella materia attribuite alla potesta legislativa regionale". Con un emendamento della Lega, approvato anche dal Pdl, questa parte è stata abolita. Il che vuol dire che, se la modifica costituzionale venisse approvata, diventerebbe lecito fare leggi palesemente discriminatorie tra regione e regione sul piano giuridico ed economico. E a decidere sarà solo il futuro "Senato federale".
Il Pd non era in aula per la loro protesta contro la rottura degli accordi esercitata dal Pdl col Pd; l'Idv perchè è decisamente contrario a questo scambio tra Pdl e Lega del federalismo contro il semipresidenzialismo. Il Terzo Polo si è opposto e Coesione nazionale si è astenuta (al Senato vale come voto contrario).

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©