Politica / Regione

Commenta Stampa

A Ercolano in sopralluogo a "Radio Siani" e "Casa Mandela"

Legalità: Amato (Pd), ampliare esperienza beni confiscati


Legalità: Amato (Pd), ampliare esperienza beni confiscati
22/12/2010, 14:12


ERCOLANO (Na) - Un sopralluogo nei beni confiscati per ribadire che lo Stato c'é e sta vincendo la sua battaglia sulla illegalità: con questo spirito il consigliere regionale Pd e presidente della III Commissione speciale Beni Confiscati Antonio Amato è giunto ad Ercolano (Napoli) dove ha incontrato l'amministrazione e i volontari impegnati nel sociale. Accolto dal sindaco Vincenzo Strazzullo e dall'assessore alla Legalità Ferdinando Pirone, il presidente ha visitato 'Radio Siani' e la Casa dei diritti 'Nelson Mandela' un tempo occupate da due boss della camorra. "La scommessa è consolidare e valorizzare esperienze meravigliose come 'Radio Siani' e 'Casa Mandela' - ha detto Amato - dando l'esempio a tutte le mafie che i beni che hanno ottenuto sulla pelle di tanta gente possono essere gestiti dalla legalità". Per l'esponente Pd occorre "ampliare questa esperienza dando anche risposte occupazionali". Ma restano da risolvere alcune questioni di carattere giuridico. "Dalla confisca del bene alla consegna passano anni e su questo il Parlamento dovrebbe sciogliere alcuni nodi". Nel corso della visita è giunta la notizia che è stata sbloccata la delibera della precedente giunta che ratificava un protocollo tra l'ex governatore Bassolino e l'allora sottosegretario al Lavoro Pasquale Viespoli. Il provvedimento prevede circa 700mila euro per l'incentivazione occupazionale nella gestione di strutture confiscate. "Una bella notizia - ha commentato Amato - perché sulla legalità non ci sono colori politici: chi dà il proprio contributo da destra o sinistra è ben accolto". Un terzo sopralluogo è stato effettuato in via Caprile-Panoramica nei pressi di uno stabile a due piani: si tratta di 10 mila metri quadri di terreno confiscati e già assegnati al Comune di Ercolano sul quale ricadono due appartamenti espropriati per l'89 per cento e di cui 11 per cento resta di proprietà della moglie della persona destinataria del sequestro. Una questione complessa sulla quale sono in corso colloqui con il direttore dell'Agenzia Nazionale per i beni confiscati Mario Morcone. All'iniziativa presenti anche il presidente Anci Campania Nino Daniele, il presidente del consiglio comunale Mario Oliviero, consigliere comunale di Sel Giovanna Tavani, l'esponente di Sel Tonino Scala, la presidente dell'Associazione Antiracket 'Ercolano per la Legalita'' Raffaella Ottaviano, l'associazione nazionale carabinieri, i volontari di 'Radio Siani' e forze dell'ordine.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©