Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Sarà possibile costruire dove si vuole e senza legge

Legambiente: "Col dl sviluppo avremo centri commerciali sulla spiaggia"


Legambiente: 'Col dl sviluppo avremo centri commerciali sulla spiaggia'
07/05/2011, 16:05

ROMA - Le norme del dl sviluppo permetteranno di cementificare completamente le spiaggie italiane. E' questo l'allarme che lancia Legambiente, attraverso Sebastiano Venneri, vicepresidente dell'organizzazione. Il quale non usa mezzi termini: "Per la prima volta si apre al condono degli edifici abusivi su terreni demaniali. E si potrà costruire sui trecento metri dal mare aggirando la Legge Galasso. Invitiamo i ministri Prestigiacomo e Galan a leggere attentamente il testo del decreto. A rischio ci sono le spiagge di Friuli, Veneto, Emilia Romagna, Marche e Toscana". E questo soprattutto perchè le norme "non distinguono tra edifici che hanno una concessione e quelli abusivi, e si aprono così le porte al condono per centinaia di edifici come quelli che compongono i centri commerciali e interi villaggi - come Triscina in Sicilia - costruiti in barba a qualsiasi legge". E poi aggiunge: "E' incredibile che nel testo c'è scritto che nel demanio costiero 'sulle aree inedificate l' attività edilizia è consentita in regime di diritto di superficie e nel rispetto delle norme esistenti'. Ma il Decreto, escludendo completamente il ministero dei Beni culturali dalla identificazione delle aree inedificabili e dalla concessione del diritto di superficie, di fatto apre le porte a nuovi edifici sulle spiagge".
Insomma, si aprirebbe la possibilità di rovinare le spiagge italiane con colate di chilometri cubici di cemento, alla faccia di leggi, regolamentazioni e norme, senza che nessuno possa metterci becco, dato che c'è anche l'abolizione della legge Galasso. Gli speculatori edilizi ne saranno felici, ma chi ama la natura o la possibilità di farsi un bagno in santa pace, cosa potrà fare?

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©