Politica / Politica

Commenta Stampa

"Noi non siamo un gruppetto di sfigati"

Lega,obiettivo Maroni:tutti militanti ad eleggere segretario

Pare certa anche la candidatura di Umberto Bossi

Lega,obiettivo Maroni:tutti militanti ad eleggere segretario
23/09/2013, 17:47

VENEZIA- L' obiettivo di Maroni è quello di portare "tutti i nostri 10mila militanti per eleggere il nuovo segretario".

"Noi non siamo un gruppetto di sfigati, siamo il grande popolo della Lega". Così ha esordito il segretario della Lega Nord, Roberto Maroni, dal palco dell'assemblea federale del movimento che oggi a Venezia ha fissato il prossimo congresso per il 14 e 15 dicembre a Torino.  "Sarà faticoso" - ammette – ma "per la prima volta voglio al voto tutti i militanti con almeno cinque anni di anzianità anche se lo statuto, lo so, dice un'altra cosa. Sarà quindi il consiglio federale convocato la prossima settimana a decidere le regole" .

L'idea di un congresso aperto piace ad uno dei principali leader del partito, Flavio Tosi, segretario veneto del Carroccio e sindaco di Verona, perché "dà a tutti i militanti la possibilità di eleggere il proprio segretario; è una forma di partecipazione della militanza che spero dia vita ad una candidatura unitaria".

A pensarla allo stesso modo è  Roberto Cota, Governatore del Piemonte, che definisce la proposta di Maroni «una risposta alla voglia del movimento di non rintanarsi, ma di buttarsi in battaglia con piena energia».

Al prossimo congresso pare certa anche la candidatura di Umberto Bossi, il leader storico della Lega. Ai giornalisti, il Senatur spiega : "C'è molta gente che vuole che io mi ricandidi e per questo dovete scrivere che mi candido altrimenti vengono a rompermi le scatole". "È una cosa che vuole molta gente della Lega - continua - gente che viene a insistere, ma la mia candidatura non deve essere causa di scombussolamento del congresso". Poi però dichiara che deciderà solo all'ultimo momento, sciogliendo la riserva direttamente al congresso di Torino.

 

 

Commenta Stampa
di Flavia Stefanelli
Riproduzione riservata ©