Politica / Parlamento

Commenta Stampa

LEGAUTONOMIE ED I SINDACI DEI COMUNI TERREMOTATI INCONTRANO A ROMA IL MINISTRO ROTONDI


LEGAUTONOMIE ED I SINDACI DEI COMUNI TERREMOTATI INCONTRANO A ROMA  IL MINISTRO ROTONDI
03/12/2008, 17:12

I Sindaci e gli Amministratori dei Comuni terremotati della Campania e della Basilicata colpiti dagli eventi sismici del novembre 1980, hanno stamane manifestato a Roma, dinanzi al Palazzo del Governo per chiedere il completamento dell’opera di ricostruzione.

 
Alla presenza del Presidente di Legautonomie, on.le dott. Oriano Giovanelli, del Presidente di Legautonomie Campania, on.le dott. Stefano Vetrano, dei dirigenti regionali della Campania e della Basilicata e dei deputati, on.le Tino Iannuzzi, on.le Margiotta, on.le Luongo, on.le Cesario, on.le Arturo Iannaccone, sen. Enzo De Luca, e on.le Giulia Cosenza, hanno incontrato il Ministro, on.le dott. Gianfranco Rotondi.
 
Gli amministratori locali, hanno evidenziato che, nel Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 13 giugno 2008, lo stesso Presidente del Consiglio, on.le Silvio Berlusconi, assieme al Ministro dei Lavori Pubblici, on.le Altiero Mattioli, avevano accertato in duemila milioni di euro la somma necessaria per il completamento dell’opera di ricostruzione nelle zone terremotate per la sola prima abitazione e che, a fronte di tale esigenza, il Disegno di Legge della Finanziaria 2009 non prevede alcuna risorsa.
 
Gli Amministratori, pertanto:
 
- hanno richiesto, con forza, un impegno del Governo affinché siano garantite risorse per il completamento della ricostruzione a partire dalla attuale Finanziaria che, se non modificata, non presenterebbe alcuno stanziamento destinato alla ricostruzione stessa;
- hanno evidenziato altresì, che il processo di ricostruzione allo stato attuale ha superato l’80% e che l’interruzione del flusso finanziario determinerebbe una ingiusta disparità tra i cittadini aventi diritto, nonché rischi per quanti ancora vivono in immobili staticamente non idonei, oltre che privare i territori di importanti risorse per sostenere l’economia in una fase di grave crisi attraverso l’attivazione di centinaia di cantieri edili.
 
Il Ministro Rotondi ha garantito il proprio interessamento presso il Governo.
I parlamentari presenti hanno assicurato la loro azione in sede di discussione della Finanziaria, anche alla luce dell’emendamento già presentato dal sen. Chiurazzi.
 
I Sindaci hanno annunciato incontri sul territorio e la costituzione di un Comitato di lavoro permanente, per sollecitare interventi a favore delle zone terremotate, nonché la definizione di una proposta di legge che possa consentire sia il completamento dell’opera di ricostruzione sia la possibilità di interventi sull’intero patrimonio abitativo non adeguato.
 
A conclusione della manifestazione, Nando Morra – Responsabile Mezzogiorno Legautonomie, ha dichiarato che:
 
La mobilitazione dei Sindaci dei Comuni terremotati della Campania e della Basilicata è espressione di un Mezzogiorno che intende reagire alla stretta indiscriminata che taglia risorse pubbliche decisive per il lavoro e lo sviluppo del Mezzogiorno. Ci auguriamo che il Governo abbia orecchie sensibili per corrispondere alle esigenze di un Sud che non intende arretrare ulteriormente dopo lo “scippo” delle risorse U.E. per le infrastrutture

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©