Politica / Politica

Commenta Stampa

Riconfermata dichiarazione d'urgenza per esame riforma

Legge elettorale, è scontro tra Senato e Camera

Sacconi: "Grasso non si pieghi alle pressioni del partito"

Legge elettorale, è scontro tra Senato e Camera
05/12/2013, 20:50

ROMA - E’ bufera sulla questione della riforma elettorale e in Parlamento la tensione cresce sempre più. La Camera e il Senato, infatti, non riescono ad accordarsi su chi debba agire per primo, se il Senato, che ha già in cantiere la riforma, o la Camera, che oggi ne ha reclamato l’assegnazione.

Dalla conferenza dei capigruppo di Montecitorio emerge la riconferma della dichiarazione d’urgenza per l’esame della riforma di una legge elettorale e l’invito alla commissione Affari costituzionali di Montecitorio a calendarizzarla, consentendo alla presidente della Camera Boldrini di concordare con il presidente del Senato Piero Grasso il percorso da seguire. Si tratta, comunque, di una dichiarazione voluta principalmente dal Pd, non gradita agli alleati della larghe intese del Nuovo Centrodestra. “Il presidente del Senato è avvertito – scrive in un messaggio politicamente minatorio a Piero Grasso il capogruppo Sacconi –. Se dovesse piegare i propri comportamenti alle pretese di partito o di frazioni di partito verrebbe meno al suo ruolo istituzionale e le reazioni sarebbero proporzionate a un comportamento così grave”.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©