Politica / Politica

Commenta Stampa

Pd: “Impegno mantenuto”

Legge elettorale, martedì alla Camera. Voto finale atteso per giovedì


Legge elettorale, martedì alla Camera. Voto finale atteso per giovedì
27/02/2014, 17:23

La legge elettorale non è finita nel dimenticatoio. Nel pomeriggio di martedì 4 marzo, infatti, nell’Aula delle Camere, come deciso dalla Conferenza dei capigruppo, riprenderà l’esame

Dopo la discussione generale e il voto che il voto che ha respinto le pregiudiziali di costituzionalità e di merito nelle settimane scorse, ora bisognerà votare i singoli emendamenti. Vista la possibilità concessa dalla presidente della Camera, Laura Boldrini, di triplicare la possibilità di esaminare le proposte di modifica, sono attese 225 votazioni, anche se è stata accolta la richiesta del capogruppo del Nuovo centrodestra, Enrico Costa, di riaprire fino a lunedì alle 12 il termine per la presentazione di altri emendamenti. Il voto finale dovrebbe arrivare entro giovedì.

Soddisfatto il capogruppo del Pd alla Camera, Roberto Speranza, che su Twitter scrive: "Martedì legge elettorale all'esame dell'aula. Impegno mantenuto. Sarà il primo passo per una vera stagione di riforme".

Intanto, uno dei passaggi della relazione del presidente della Corte Costituzionale, Gaetano Silvestri, viene sottolineato che uno dei punti critici che ha portato alla sentenza di bocciatura della Consulta sulla legge elettorale è “quello delle liste cosiddette bloccate”. Questo tipo di liste “contengono elenchi spesso assai lunghi di candidati, difficilmente conoscibili dai cittadini elettori, con il risultato che 'manca il sostegno dell'indicazione personale dei cittadini, che ferisce la logica della rappresentanza consegnata nella Costituzione' “.

Inoltre, “la previsione di un cospicuo premio di maggioranza' nella legge elettorale senza la fissazione di una soglia minima per la sua applicazione deve essere considerata come una disciplina manifestamente irragionevole che comprime la rappresentatività dell'assemblea parlamentare, attraverso la quale si esprime la sovranità popolare, in misura sproporzionata rispetto all'obiettivo perseguito, incidendo anche sull'eguaglianza del voto”.

Altro passaggio importante della relazione di Silvestri è che “Costituzione non prevede un particolare sistema elettorale, né la Corte costituzionale ha alcuna competenza a colmare questa lacuna”. La legge elettorale, ha specificato il presidente della Corte Costituzionale, “deve prevedere un meccanismo di trasformazione dei voti in seggi che, pur assicurando la necessaria rappresentanza alle diverse articolazioni della società civile, miri a rendere possibile la formazione di governi stabili fondati su maggioranze non fluttuanti”. 

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©

Correlati