Politica / Politica

Commenta Stampa

Rammaricato per il ritardo dei partiti

Legge elettorale, Monti non esclude il decreto


Legge elettorale, Monti non esclude il decreto
06/11/2012, 10:32

ROMA – l Premier Mario Monti, in merito ad un intervento  dell’esecutivo, in materia di legge elettorale,  ha dichiarato che  considera "non auspicabile" ma "tecnicamente possibile" un decreto del governo  in caso di mancato accordo dei partiti per la modifica sostanziale del Porcellum.

Mario  Monti si è detto "rammaricato" per il ritardo dei partiti e sulla  sua maggioranza il presidente del Consiglio ha ribadito  che "sarebbe ben strano se non dimostrasse sensibilità vive ed acute con l'avvicinarsi delle elezioni". Per questo – ha aggiunto - il governo non può "chiedere troppo".

Sulla legge di stabilità il professore ha poi detto che non sarà necessario un accordo con i partiti, e che con il ministro dell'Economia c'è piena intesa.

"La legge di stabilità – ha detto  Monti - è in buone mani: è stata seguita nella navigazione parlamentare, come è giusto che sia, dal ministro dell'Economia Vittorio Grilli, in piena e frequente consultazione e in pieno consenso con me".

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©