Politica / Parlamento

Commenta Stampa

La maggioranza sceglie il 9 marzo come data utile

Legittimo impedimento: proposto l'ok prima delle Regionali


Legittimo impedimento: proposto l'ok prima delle Regionali
23/02/2010, 19:02

ROMA - Le regionali si avvicinano e, tra le priorità del Governo, risulta esserci la riforma giudiziaria con il testo di legge riguardante il legittimo impedimento. Proprio oggi, infatti, al Senato la maggioranza ha deciso di inserire dal prossimo 9 marzo la discussione del dl in questione all'interno del calendario dei lavori. L'obiettivo, ovviamente, è quello di approvare la legge prima delle regionali che si concluderanno proprio a fine marzo. Il voto contrario dell'opposizione non è servito a nulla ed il capogruppo del pdl Maurizio Gasparri ha spiegato così la scelta del governo:"Abbiamo chiesto di discutere un ddl importante e il calendario ha delle priorità e tra queste c'è anche quella legge. Riteniamo che sia giusto esaminarla per ché il paese ha di fronte questo problema. Non si cancella nessun processo".
Ben diverso il commento del capogruppo Pd Anna Finocchiaro:"In nome della dignità del Senato dovremmo rapidamente depennare questa voce dal calendario e far vedere agli italiani che siamo impegnati sui problemi veri, compreso quello della corruzione".
Dichiarazioni a parte, nel concreto, l'applicazione fulminea del legittimo impendimento permetterebbe al Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi di rinviare i suoi processi per un massimo di 18 mesi. Giustificazione? Quella dell'essere "legittimamente impedito" dall'esercizio delle funzioni governative ovviamente.
Priorità del Governo e priorità del paese, a questo punto, sembrano non collimare. Di sicuro, se si approvassero così rapidamente ed efficacemente anche la miriade di altri leggi necessarie a migliorare le condizioni di vita e le prospettive future anche di chi non è a capo della maggioranza, gli italiani potrebbero dirsi rappresentati. Ulteriori commenti a questo punto risultano superflui; chi legge sa convenire da solo come sta agendo il centrodestra e come sta non agendo il centrosinistra. Alcuni leader si sacrificano in nome dei popoli che guidano; altri chiedono a chi li ha votati di sacrificarsi...questione di paesi, di epoche; di civiltà.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©