Politica / Politica

Commenta Stampa

“Se ci saranno tagli alla ricerca e alla cultura mi dimetto"

Letta: “La battaglia sull’Imu è una battaglia di tutti”

Crimi : “ Sì alla sospensione Imu”

Letta: “La battaglia sull’Imu è una battaglia di tutti”
06/05/2013, 09:35

ROMA – Il Premier incaricato ritorna sul “caso Imu”, e lo fa durante il suo intervento televisivo nel salotto di Rai3, “Che tempo che fa”: “ La battaglia sull’Imu non è solo del Pdl , anche Pd e Scelta Civica oltre al Pdl in campagna elettorale hanno proposto di modificare l’Imu. Quindi abbiamo deciso di sospendere il pagamento della prima rata sulla prima casa per avere il tempo di varare un superamento dell’imposta così com’è”. Enrico Letta vuole specificare la posizione del suo governo, dopo le ripetute battute del leader del Pdl, che riaffermava la fiducia al governo incaricato solo ed esclusivamente in relazione all’abolizione dell’Imu, il Premier attuale non vuole alimentare le polemiche : “Parlare solo di Imu è riduttivo, il vero tema è quello della casa”.
Intanto, dal M5S arriva uno spiraglio di apertura, Crimi ha commentato:
“Favorevoli alla proposta di sospendere l’Imu, purché però la sospensione non sia orizzontale, altrimenti appoggeremmo chi ha casa e redditi elevati. Invece lo stop al pagamento dell’Imu deve essere garantito a soglie di reddito basse”, ha chiarito il capogruppo del Movimento al Senato. Letta già nel suo discorso programmatico aveva specificato i punti nodali del suo incarico, puntare sui giovani e su una riforma dell’economia , rilanciare il settore dell’immobile, superare l’Imu, gli affitti agevolati per le giovani coppie, investire sulle ristrutturazioni ecocompatibili. “ Far ripartire il mercato del lavoro a favore delle nuove generazioni con un piano europeo da concordare nel vertice Ue di giugno”, ha detto il Premier incaricato da Giorgio Napolitano che, nell’immediato, vuole cancellare il Porcellum.
Gli interventi urgenti dovranno essere legati al rifinanziamento della cassa integrazione e l’eliminazione, o il rinvio, dell’aumento dell’Iva previsto per luglio.
Investire sulle risorse del Paese, in nome di questo obiettivo, Letta ha concluso la sua intervista da Fabio Fazio: "Se ci saranno tagli a cultura e ricerca mi dimetterò". 

Commenta Stampa
di Rosa Alvino
Riproduzione riservata ©