Politica / Politica

Commenta Stampa

Il premier sul voto della Giunta: "Prevarrà il buonsenso"

Letta: "Se cade il governo i cittadini dovranno pagare l'Imu"

"Non possiamo più permetterci giochi politici"

Letta: 'Se cade il governo i cittadini dovranno pagare l'Imu'
15/09/2013, 09:50

ROMA - Il primo ministro Enrico Letta, durante un discorso tenuto in occasione della festa Udc a Chianciano, ha spiegato che nel caso in cui il governo cadesse, gli italiani sarebbero costretti a pagare l’Imu. “Se il governo cade, i decreti sull' Imu non verranno convertiti e quindi i cittadini dovranno pagare l'Imu”. “La discussione sull'Imu è chiusa, dal primo gennaio nasce la service tax – ha continuato Letta –. Io difendo la soluzione approvata, la service tax è un passaggio che semplifica, sarà una riduzione del peso fiscale, è una tassa federalista. È la scelta giusta, quello che ci voleva”. Il premier, inoltre, è convinto che se il governo cade la legge di stabilità verrà scritta a Bruxelles.

Per quanto riguarda la possibilità di una crisi di governo e il voto di mercoledì prossimo della Giunta del Senato sulla decadenza di Silvio Berlusconi, Letta ha detto di essere sicuro che prevarrà il buon senso e che niente metterà in crisi il governo. In merito alla questione della scelta tra voto palese e voto segreto, il primo ministro dice che non spetta a lui occuparsi della faccenda. Piuttosto, Letta si è soffermato sul tema della stabilità. “Dal tema stabilità ed instabilità dipende tutto. Se non c'è la stabilità, noi non ce la caviamo e non c'è alcuna possibilità di farcela. Non me ne frega niente delle prese in giro. Noi non possiamo più permetterci giochi politici e l'instabilità basata sui giochi politici. I costi dei giochi politici minano la ripresa”.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©