Politica / Politica

Commenta Stampa

Enrico Letta: “ No alle manifestazioni in piazza”

Letta-Alfano è scontro

“Non resto a palazzo Chigi a ogni costo”

Letta-Alfano è scontro
13/05/2013, 10:24

SPINETO – “ Sappiate che io non mi faccio logorare, se siete al governo per fare campagna elettorale, me ne vado. Non resto a palazzo Chigi a ogni costo”, questo il monito del Premier incaricato Enrico Letta. L’accusa è rivolta agli esponenti del Pdl, Alfano e Lupi. Enrico Letta contesta ai due la loro partecipazione e condivisione della manifestazione di Brescia contro i pm, avvenuta sabato scorso. “Ciò che è accaduto a Brescia è inaccettabile, non si può più ripetere. Le ricadute negative sul governo sono superiori alla sua capacità di tenuta. Dobbiamo abbassare la tensione, non fomentarla. Ora va sminato il terreno da questi elementi di contrasto”, questa la conclusione del Presidente del Consiglio alla luce del confronto con il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Non cambia, tuttavia, la posizione di Lupi e di Alfano: “ Non ammaineremo le nostre bandiere, non ci appiattiremo sulle posizioni del Pd. Tantomeno sul fronte della giustizia. E mai smetteremo di difendere Berlusconi”. L’idea del ritiro nello spogliatoio non è servita a placare gli animi, anzi. In apertura dei lavori Enrico Letta ha imposto il divieto a partecipare alle manifestazioni elettorali, né a dibattiti radio e tv che non siano incentrati sul programma di governo, come afferma una nota ufficiale.

 

Commenta Stampa
di Rosa Alvino
Riproduzione riservata ©