Politica / Regione

Commenta Stampa

Lettera agli elettori del candidato Filippo Mazzarella


Lettera agli elettori del candidato Filippo Mazzarella
03/03/2010, 17:03

CASERTA - il 28 e 29 marzo saremo chiamati a compiere una scelta importante per il nostro territorio: il rinnovo del Consiglio Provinciale unitamente alla elezione del nuovo Presidente.
Non partecipare sarebbe un grave errore perché la politica è partecipazione e quanto più ampia sarà l’adesione tanto maggiore sarà la credibilità degli eletti.
La Provincia assolve funzioni fondamentali per la qualità di vita dei suoi cittadini e rappresenta un collante necessario per una realtà così ampia ed eterogenea.
E' importante scegliere la coalizione che tra tutte potrà garantire serietà, buon governo, realizzazioni concrete e anche rinnovamento.
IL POPOLO DELLA LIBERTA' si presenta a queste elezioni con tutto l’entusiasmo, il coraggio e la volontà di cambiamento per un futuro migliore tanto necessario per la nostra Provincia.
Io sarò candidato al Consiglio Provinciale nelle prossime elezioni del 28 e 29 marzo nel Collegio 3. Ho accettato di partecipare a questa competizione con l'umiltà e lo spirito di servizio necessari, ben conscio delle difficoltà che dovrò affrontare e delle responsabilità che dovrò assumermi.
Dinamismo, sostenibilità, tutela dell'ambiente, occupazione, welfare, infrastrutture, cultura.
Queste dovranno essere le prime parole d'ordine per la nostra Provincia.

Il Popolo della Libertà, me in primis, ha a cuore la storia e le tradizioni di questa Terra ed è la forza che potrà costruire un futuro di continuità ed al tempo stesso di innovazione.
La Politica è qualcosa che si fa insieme per le nostre comunità.
La Politica non è semplicemente dare un voto ogni tanto, ma è la volontà di voler cambiare le cose insieme giorno dopo giorno.
La Politica decide in ogni caso e non possiamo rinunciare a partecipare, non possiamo lasciare perdere le cose, dobbiamo metterci in gioco.

Il 28 e 29 marzo non mancare.

Ti ringrazio per il tempo che hai dedicato a questa lettera, fiducioso che potremo sentirci, collaborare e parlare insieme del nostro futuro, delle nostre esigenze e delle nostre speranze.

Un saluto
FILIPPO MAZZARELLA


Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©