Politica / Politica

Commenta Stampa

Liberafesta, a Pozzuoli ritorna la Festa di Liberazione


Liberafesta, a Pozzuoli ritorna la Festa di Liberazione
22/09/2011, 17:09

Il 23,24 e 25 Settembre in Piazza a Mare a Pozzuoli ritorna la festa provinciale di Liberazione con tre giorni di dibattiti e concerti. Diritti, lavoro, sviluppo, ambiente e territorio i temi per rilanciare proposte e prospettive a partire dal ruolo che la sinistra deve svolgere nel nuovo laboratorio politico partenopeo. “Un evento importante per il partito napoletano e non solo” - dichiara Antonio D'Alessandro, Segretario provinciale PRC Napoli - “un segnale di ripresa anche in virtù dell'ottimo risultato elettorale delle amministrative. Una dimostrazione di vitalità da parte di un partito che continua a crescere con un programma di qualità, questa infatti, sarà anche l'occasione per rimettere al centro della discussione politica la costruzione di una alternativa di Sinistra, e Napoli è proprio al centro di questo laboratorio. I workshop che si terranno su lavoro, welfare e diritti civili vanno proprio in questa direzione”.

Durante i tre giorni interverranno tra gli altri, Elena Coccia, vicepresidente del Consiglio Comunale di Napoli, Sandro Fucito, Capogruppo della Federazione della Sinistra, lo stesso Antonio D’Alessandro, segretario provinciale PRC Napoli e Massimo Rossi, portavoce nazionale Federazione della Sinistra. Chiuderanno la festa Domenica 25, Gianni RINALDINI- coordinatore nazionale “la CGIL che vogliamo”, Luigi DE MAGISTRIS- Sindaco di Napoli e Paolo FERRERO- Segretario Nazionale Rifondazione Comunista.

Non mancheranno momenti ludici con concerti ed eventi. Sul palco si alterneranno gruppi emergenti e band affermate nel panorama musicale napoletano, dai Palcoscenico, che suoneranno sabato 24 settembre, agli A 67 che si esibiranno domenica sera. Il tutto senza trascurare il match del Napoli che sabato sera affronterà la Fiorentina. La partita sarà trasmessa in piazza su maxi schermo.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©