Politica / Politica

Commenta Stampa

Liberalizzazioni, Porfidia (Noi Sud-NpS): "L’Esecutivo vuole una guerra tra poveri"


Liberalizzazioni, Porfidia (Noi Sud-NpS): 'L’Esecutivo vuole una guerra tra poveri'
23/01/2012, 14:01

Roma, 23 gennaio 2012- "Intraprendere la strada delle liberalizzazioni dovrebbe significare liberare le energie produttive che il tessuto industriale e commerciale non riescono ancora a mettere a profitto, ma con i provvedimenti presentati dall’esecutivo ci sembra più che altro l’invito ad una guerra tra poveri che non prevede alcuna redistribuzione delle ricchezze” lo dichiara il Presidente nazionale dell’NpS- Noi Sud-per il partito del Sud on. Americo Porfidia “Il Presidente Monti aveva annunciato la fase 2 come il momento del rilancio, dello sviluppo, ma qui si tratta di raschiare il barile, con una serie di provvedimenti che in ultima istanza mettono in crisi solo determinate categorie per allargare l’area della crisi non per ristringerla. Bene fanno i tassisti a reclamare per difendere la loro posizione, così come gli autotrasportatori non possono vedere decurtato a ritmo quotidiano il loro stipendio per via del caro carburanti. L’obiettivo dovrebbe essere l’innalzamento a livelli più alti delle fasce deboli della società, non l’abbassamento del ceto medio a livelli di sussistenza, che ahinoi è quello che sta avvenendo. I provvedimenti del resto stanno solo sfiorando il sistema bancario, le grandi lobby petrolifere, dell’energia e delle autostrade. Davvero ci sembra – conclude Porfidia – che questa crisi non solo debba colpire le fasce medio basse della società, ma siano sempre loro a dover pagare il tributo più grande, e questa è un’ingiustizia alla quale ci opporremo”





Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©