Politica / Regione

Commenta Stampa

Libri in braille, da oggi la consegna dei moduli per la dote scuola


Libri in braille, da oggi la consegna dei moduli per la dote scuola
18/06/2012, 14:06

"Abbiamo anticipato al massimo le procedure per la fornitura dei testi in braille, in formato elettronico e a caratteri ingranditi, riservati agli alunni con disabilità visiva della Campania per l'anno scolastico e formativo 2012/2013. Da oggi è possibile scaricare dall'home page della Regione (www.regione.campania.it) o dal Burc il modulo con cui si ha diritto alla dote scuola.”

Così l'assessore regionale all'Assistenza sociale Ermanno Russo.

"Sul sito internet di Palazzo Santa Lucia e sul Bollettino ufficiale sarà possibile anche visionare e scegliere, dall'elenco dei soggetti in possesso dei requisiti per la trascrizione, il fornitore a cui si ritiene opportuno rivolgersi. Quest'ultimo va inserito, insieme al nome del dirigente scolastico o del tutor della scuola che si frequenta, nell'apposita domanda da compilare e consegnare entro il prossimo 15 ottobre, a mano o a mezzo posta (anche elettronica certificata), presso gli uffici regionali del settore Assistenza sociale del Centro Direzionale di Napoli, isola A6”, prosegue l'assessore.

"Per limitare il più possibile ritardi e disagi per gli utenti, quest'anno abbiamo previsto procedure ancora più rapide e, ciò che è importante, diversificate. Con un primo avviso pubblico, i cui esiti sono resi noti oggi sul Burc, abbiamo infatti selezionato - spiega Russo - i soggetti ritenuti idonei alla trascrizione di testi in braille, formato elettronico e a caratteri ingranditi. Con un secondo avviso pubblico, presente sempre oggi sul Bollettino ufficiale, abbiamo invece previsto l'assegnazione per ciascun alunno con disabilità visiva della Campania di una dote scuola di importo non superiore a 1800 euro per la scuola primaria e non superiore a 3200 euro per gli altri gradi di istruzione.

"Per rendere ancor più trasparente la concessione della dote scuola, abbiamo anche indicato ai soggetti fornitori i costi massimi per le trascrizioni, che se sforati costituiranno uno dei casi specifici in cui è prevista la revoca della dote scuola ed il mancato rimborso a questi ultimi da parte della Regione. L'assessorato all'Assistenza sociale avvierà un monitoraggio sulla qualità delle forniture, verificando la soddisfazione degli alunni e delle famiglie rispetto ai tempi di consegna dei testi, all'assistenza e alla qualità del lavoro svolto dai soggetti a cui si sono rivolti per la trascrizione.

"Per addivenire sempre più ad una presa in carico globale da parte delle istituzioni dell'alunno con disabilità visiva, abbiamo infine provveduto a coinvolgere la Direzione scolastica regionale, comunicando al Provveditorato le opportunità che fornisce la Regione e chiedendo di diffondere a tutte le scuole del territorio campano informazioni e notizie sullo strumento della dote scuola”, conclude Russo.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©