Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Il legale esclude l’ipotesi di una legge salva-Fininvest

Lodo Mondadori, Ghedini: “Fininvest pagherà quanto deve”

“Sentenza rispettata, ma speriamo nella Cassazione”

Lodo Mondadori, Ghedini: “Fininvest pagherà quanto deve”
12/07/2011, 15:07

MILANO – “Fininvest pagherà alla Cir i 560 milioni stabiliti dalla Corte d’Appello di Milano, nella speranza poi che questi soldi vengano ridati indietro dopo che la Cassazione avrà fatto giustizia”: parola di Niccolò Ghedini, uno dei legali di Silvio Berlusconi, che dice la sua sulla vicenda del Lodo Mondadori, smentendo in automatico quanto aveva dichiarato giorni fa la figlia del premier, Marina Berlusconi. Ne è convinto il legale e amico di partito del Cavaliere, dal quale inoltre è arrivato un “no” categorico all’ipotesi di una legge salva-Fininvest, quindi per bloccare tale pagamento, in Manovra. “Non c’è nessuna ipotesi di legge allo studio. Lo escludo” ha infatti dichiarato Ghedini ai giornalisti che gli hanno domandato della possibilità che l’Esecutivo stia studiando e lavorando a una norma, realizzata ad hoc per evitare che Fininvest paghi il maxirisarcimento al gruppo di Carlo De Benedetti.
Il legale di Berlusconi ha voluto spendere qualche parola anche sulla cosiddetta “norma salva-Fininvest” che in maniera strategica era stata inserita in un primo tempo nella Manovra economica e che poi è stata ritirata: rappresentava “un principio di civiltà”. Secondo quella ipotesi di legge, per una società condannata a pagare in sede civile più di 20 milioni di euro era previsto il blocco dell’esecutività del pagamento fino alla pronuncia definitiva della Cassazione, salvo il deposito di una cauzione. Per Ghedini questa ipotesi di legge rappresentava “un principio di civiltà”, perché ci sono “società costrette a pagare” che poi si vedono ribaltare il giudizio in Cassazione.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©