Politica / Politica

Commenta Stampa

Maroni prima dice di sì, poi cambia idea

Lombardia: la Lega si spacca sulla legalizzazione della cannabis


Lombardia: la Lega si spacca sulla legalizzazione della cannabis
06/01/2014, 19:44

MILANO - La Lega Nord è divisa sull'idea di liberalizzare l'uso della cannabis, in aperto contrasto con la legge Bossi-Giovanardi (votata anche dalla Lega nel 2005), che invece prevede la galera da 6 a 20 anni, laddove si posseggano una mezza dozzina di spinelli. 
Infatti l'Assessore all'Agricoltura della Regione Lombardia, Gianni Fava, si è espresso su Twitter con questa frase, riferita alla legalizzazione della cannabis: "Credo valga la pena cominciare a parlarne seriamente. Il proibizionismo ha fallito". Una frase che inizialmente è sembrata la posizione ufficiale della Lega, dato che anche il governatore lombardo Roberto Maroni aveva retwittato il messaggio. Ma dopo l'altolà del segretario del partito, Matteo Salvini ("Non è tra le nostre priorità, ognuno può pensarla come vuole, ma per il momento non vedo spazi di discusssione") Maroni ha fatto marcia indietro, spiegando che si è trattato dell'errore di un collaboratore. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©