Politica / Politica

Commenta Stampa

Assessore Aprea nega, i soldi verranno dati sotto altre voci

Lombardia: sì ai soldi per le scuole private, niente alle pubbliche


Lombardia: sì ai soldi per le scuole private, niente alle pubbliche
05/12/2013, 14:05

MILANO - Lapidario il commento di Fabio Pizzul, esponente del Pd in Regione Lombardia: "Roberto Maroni? È arrivato là dove Roberto Formigoni non si era mai spinto. Inspiegabile e ingiustificabile". Si tratta della scuola, un settore dove da sempre ad essere favorite è la parte privata, abbondantemente finanziata dalla Giunta Formigoni, a scapito della scuola pubblica. Una tendenza che la Giunta Maroni intensifica: nel bilancio preventivo per il 2014 i finanziamenti per i buoni libro, usati quasi esclusivamente per la scuola privata, resta stabile: 30 milioni contro i 33 milioni del 2013. Non così per la scuola pubblica: alla voce "Risorse regionali per la componente sostegno al reddito della dote scuola" si è passati da 23 milioni e mezzo a 5 milioni, mentre alla voce che riguarda le borse di studio si è passati da 5 milioni a zero. Insomma, chi ha i soldi in Lombardia va alla scuola privata, gli altri avranno difficoltà anche solo ad andare a scuola pubblica. 
L?assessore all'istruzione Valentina Aprea ha assicurato che questi tagli saranno compensati da alòtre forme di sostegno al reddito, ma queste sono solo promesse. I fatti vanno nella direzione opposta.  

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©