Politica / Regione

Commenta Stampa

La presidente sui guai giudiziari del candidato del Pd

Lonardo: su De Luca "apoteosi della doppia morale"


Lonardo: su De Luca 'apoteosi della doppia morale'
08/02/2010, 15:02

NAPOLI, 8 FEB - ''A proposito della candidatura del sindaco di Salerno, leggo in queste ore le dichiarazioni di quelli che fino ad ieri sono stati i campioni del giustizialismo piu' sfrenato. Intransigenti e censori, tranne che per se stessi. Rileggo le loro affermazioni, i loro distinguo, i loro pero' sul caso De Luca. E' l'apoteosi della doppia morale''. Cosi' il presidente del Consiglio regionale campano Sandra Lonardo che affida le sue considerazioni a Facebook. ''Constato che Di Pietro ed alcuni esponenti della sinistra radicale - osserva Lady Mastella' - per opportunita' e puro calcolo elettorale, ora fanno marcia indietro e si affannano a distinguere tra il candidato indagato e quello condannato. Ho sempre ricordato che, in base al nostro ordinamento, ogni cittadino di questa Repubblica e' innocente fino al terzo grado di giudizio. Di Pietro e certa sinistra, invece, hanno sempre praticato la presunzione di colpevolezza. Prendiamo atto che oggi fanno una virata senza precedenti e si preparano a sostenere un candidato alla presidenza della Regione Campania da loro stessi definito, fino a pochi secondi fa, 'impresentabile'. Incoerenti, fino alla fine''. ''Cosi', per metterci una pezza - conclude la Lonardo - chiedono l'impegno a dimettersi in caso di condanna. Nel frattempo, vorrei che non venisse falsato l'equilibrio democratico e che anche a me, come a tutti gli altri, fosse consentito di fare la campagna elettorale, come stabilisce l'articolo 51 della Costituzione''.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©