Politica / Parlamento

Commenta Stampa

LOPA: IL NOSTRO DOLORE, PER CHI COMPIE IL PROPRIO LAVORO


LOPA: IL NOSTRO DOLORE, PER CHI COMPIE IL PROPRIO LAVORO
03/10/2008, 16:10

Dopo l’ennesima morte sul lavoro, che ha visto la caduta di un operaio campano che lavorava in Toscana, dopo il cedimento della piattaforma sulla quale erano salito per costruire un pilone di un viadotto della variante di valico dell'A1, a Barberino del Mugello, vittima insieme a due operai calabresi, è intervenuto il Dirigente di AN-Popolo della Libertà, Rosario Lopa, che ha ribadito la necessità di attivare immediatamente, come richiesto da tempo, un vero è proprio coordinamento sulle attività di vigilanza. E’ divenuto di estrema urgenza coordinare la sicurezza sui luoghi di lavoro, ha spiegato l’esponente del Popolo della Libertà, riordinare la materia in un testo unico, semplificare, coordinare, ma soprattutto investire sulla prevenzione. Abbiamo bisogno, continua Lopa, di norme esecutive, in modo che tale coordinamento, che si può attuare tramite un atto amministrativo, armonizzerebbe e razionalizzerebbe le competenze istituzionali, evitando sovrapposizioni e duplicazioni di interventi, oltre a garantire indirizzi generali uniformi su tutto il territorio nazionale. Il coordinamento permetterebbe, ha spiegato Lopa, senz'altro, un uso più razionale ed efficiente delle risorse umane disponibili presso le amministrazioni pubbliche interessate ed un parziale superamento dei limiti derivanti dalle carenze strumentali e di organico. In tal modo si potrebbe aumentare il numero delle ispezioni sul territorio per verificare il rispetto delle norme sulla sicurezza. Bisogna sottolineare, non solo l’importanza della sicurezza sul lavoro, che ancora necessita nella nostra Regione, la Campania, a Napoli e in tutto il Paese di una rilevante attenzione, ma anche confermare l’impegno delle forze sociali, politiche e sindacali sulle nuove forme del lavoro, in cui più facilmente si annida la precarietà e l’incertezza per il futuro, specialmente tra i più giovani, per combattere gli infortuni sul lavoro e i fenomeni del lavoro nero e del caporalato. Ma oggi il nostro nuovo momento di dolore, ha concluso Lopa, per chi, fuori dalla sua terra, compie il proprio lavoro e muore.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©