Politica / Politica

Commenta Stampa

Passo importante nella lotta per i vaccini

Lorenzin: "Pronto un dl per rendere il vaccino obbligatorio"


Lorenzin: 'Pronto un dl per rendere il vaccino obbligatorio'
11/05/2017, 16:59

ROMA - Il Ministro della Sanità Beatrice Lorenzin ha fatto un annuncio importante: "Ho pronto un testo di legge che prevede l'obbligatorietà delle vaccinazioni per l'accesso alla scuola dell'obbligo, con un ampliamento delle vaccinazioni obbligatorie indicate dal nostro ministero. L'ho mandato oggi al presidente del consiglio, Paolo Gentiloni, e lo porterò domani in consiglio dei ministri. Ovviamente non potrà essere approvato domani, perchè necessiterà di approfondimenti e di una discussione anche da parte del ministero dell'Istruzione, per valutare se i tempi sono veramente maturi per fare una legge che ci riporti in sicurezza". 

L'annuncio è stato fatto in una intervista rilasciata a Night Tabloid, programma televisivo in onda su RaiDue questa sera alle 23.20. La Lorenzin ha poi proseguito: "Ho immaginato questo decreto che pone l'obbligatorietà per l'accesso alla scuola dell'obbligo, con il ministero della Salute che ogni anno dà la lista di quelle che sono le vaccinazioni obbligatorie, superando anche la dicotomia tra vaccinazioni obbligatorie e raccomandate. Tutte le vaccinazioni che sono nel piano vaccinale approvato nei Livelli essenziali di assistenza sono necessarie per la salute delle persone, poi ce ne saranno un gruppo che saranno obbligatorie per l'accesso alla scuola dell'obbligo. Ovviamente questa è una norma che può avere degli aspetti di complessità, per questo l'ho mandata alla presidenza del consiglio. Spero che ci sia un approfondimento con il ministero dell'Istruzione, che ha il timore che venga leso il diritto all'accesso alla scuola". 

La proposta della Lorenzin si inserisce nel filone delle leggi regionali e comunali che impongono l'obbligo di vaccinazioni per entrare all'asilo. Una giusta precauzione, per evitare il diffondersi di malattie con gravi effetti per la popolazione e non solo quella più giovane

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©