Politica / Parlamento

Commenta Stampa

L’unione europea chiude la pesca agli squali in pericolo


L’unione europea chiude la pesca agli squali in pericolo
16/12/2009, 12:12


BRUXELLES - Shark Alliance esprime grande soddisfazione per la decisione presa dal Consiglio europeo dei Ministri della Pesca di chiudere la pesca di una specie di squalo in grave declino – lo smeriglio – e di ridurre del 90% le quote di pesca dello spinarolo, in linea con i pareri scientifici e la proposta della Commissione Europea. “Questa estrema riduzione delle quote di pesca per lo smeriglio e lo spinarolo equivale a un buon risultato del primo test del nuovo Piano d’Azione Europeo per gli squali” – dichiara Sonja Fordham, Direttore per le Politiche della coalizione internazionale Shark Alliance e del Gruppo Ambiente Pew - “I ministri hanno agito coerentemente con l’impegno espresso nel Piano d’Azione di seguire i pareri scientifici e adottare un approccio precauzionale nello stabilire i limiti di pesca per specie di squalo vulnerabili o in pericolo.”

“La decisione presa oggi dal Consiglio europeo - supportata anche dal Sottosegretario alla Pesca Buonfiglio e dal Ministro Zaia - di chiudere la pesca di queste due specie gravemente minacciate, consentirà alle popolazioni europee dello smeriglio e dello spinarolo di ristabilirsi e rafforzerà la capacità dell’UE di promuovere la conservazione di queste specie a livello globale” – dichiara Serena Maso, coordinatrice nazionale di Shark Alliance e responsabile del settore pesca di Marevivo.

La maggior parte degli squali e delle razze subiscono con facilità l’impatto negativo della pesca in quanto sono animali che crescono lentamente, raggiungono tardi la maturità sessuale e generano pochi piccoli. Lo smeriglio e lo spinarolo sono inseriti nella Lista Rossa dell’IUCN come specie in Pericolo Critico nel Nord-est Atlantico.

L’unione Europea ha proposto l’inserimento dello smeriglio e dello spinarolo nella Convenzione sul commercio internazionale di specie in pericolo (CITES) alla conferenza delle Parti che si terrà a marzo 2010.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©