Politica / Politica

Commenta Stampa

Anche Bankitalia dice di no

L'Upb boccia la finanziaria: "Previsioni troppo ottimistiche"


L'Upb boccia la finanziaria: 'Previsioni troppo ottimistiche'
10/10/2018, 09:01

ROMA - Nuova bocciatura per il governo. Questa volta è l'Ufficio parlamentare di Bilancio, incaricato di una valutazione tecnica sui numeri della legge finanziaria, a dire di no. In particolare, le valutazioni sulla crescita del Pil (+1,5% di Pil reale, +3,1% di Pil nominale) sono considerate troppo ottimistiche. E questo altera completamente l'impianto economico, perchè sopravvaluta le entrate, creando coperture che non esistono per le spese e portando ad un aumento del deficit. 

L'Upb contesta anche le previsioni del governo sull'incidenza dello spread. Infatti, l'ufficio stima almeno 17 miliardi di maggiore spesa per gli interessi da qui al 2021, mentre per il governo l'aumento dello spread non avrà effetti significativi sulle spese per interessi. 

Si tratta di critiche molto simili a quelle sollevate nella giornata di ieri anche da Bankitalia, che ha contestato le cifre del governo. E a cui il Ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio ha risposto sprezzante su Facebook: "Se Bankitalia vuole un governo che non tocca la Fornero, la prossima volta si presenti alle elezioni con questo programma!". Frase con cui è stato lo zimbello dei social network per tutta la giornata di ieri. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©