Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Malore durante una cena, subito trasportato in ospedale

Lutto nel mondo della politica, è morto Tommaso Padoa Schioppa

L'ex ministro è stato stroncato da un arresto cardiaco

Lutto nel mondo della politica, è morto Tommaso Padoa Schioppa
19/12/2010, 09:12

Lutto nel mondo della politica, nella notte è morto a Roma l'ex ministro dell'economia Tommaso Padoa Schioppa, per un arresto cardiaco. L'ex ministro per l'economia stava partecipando ad una cena tra un centinaio di amici, organizzata a Palazzo Sacchetti, in via Giulia, quando ha avvertito un malore, ed è stato prontamente portato in ospedale, ma le cure e i tentativi per salvarlo sono stati invani, ed i medici hanno solamente potuto certificare la sua morte, ieri sera, due ore dopo il suo ricovero all'età di 70 anni. Tommaso Padoa-Schioppa nasce a Belluno, il 23 luglio del 1940 ed è stato Ministro dell'Economia e delle Finanze nel governo Prodi II nel 2006. Si è formato negli studi economici prima al liceo classico Francesco Petrarca a Trieste, poi la laurea in economia all'Università Bocconi di Milano nel 1966, ed il Master in economia dal MIT di Boston nel 1970. la sua carriera professionale inizia nella Brenninkmeyer, e poi diventa responsabile della divisione mercati monetari del dipartimento di ricerca della Banca d'Italia. Tommaso Padoa Schioppa per otto anni ha fatto parte del Comitato Esecutivo della Banca Centrale Europea, ed è stato uno degli agguerriti sostenitori della moneta unica nella comunità europea, definendo l'Euro: "una moneta senza uno stato". Tommaso Padoa Schioppa dal 17 maggio 2006 è diventato Ministro dell'Economia e delle Finanze nel governo Prodi II, come tecnico indipendente: prima di questa nomina è stato il presidente dell'istituto internazionale dei revisori dei conti, durante questo ministero ricordiamo il suo impegno per la manovra finanziaria del 2007. Ultimamente, dal 3 Agosto 2010 è stato uno dei due consiglieri economici del primo ministro greco, George Papandreou.

Commenta Stampa
di Fabio Iacolare
Riproduzione riservata ©