Politica / Politica

Commenta Stampa

Grillini contro la nomina di Amato a giudice della consulta

M5S attacca Amato: Vergogna. Rappresenta lo schifo della casta


M5S attacca Amato: Vergogna. Rappresenta lo schifo della casta
12/09/2013, 14:37

Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha nominato Giuliano Amato giudice della consulta e subito esplode la rabbia del Movimento 5 Stelle che – attraverso twitter e facebook – non usano parole gentili nei confronti del neo eletto giudice della consulta.
"Giorgio Napolitano ha nominato Giuliano Amato, ex tesoriere di Craxi e pensionato d'oro, giudice della Corte costituzionale. Ad insaputa della Costituzione". Lo scrive sul suo profilo facebook il deputato grillino Riccardo Fraccaro. Rincara la dose Alessandro Di Battista: "Amato giudice della Corte Costituzionale? Evidentemente vogliono farci vergognare di essere italiani ma non ci riusciranno mai!". Non manca all’appello Carlo Sibilia che ci va giù pesante: "Giuliano Amato rappresenta degnamente lo schifo, il disgusto, l'indecenza, l'obbrobrio, l'orrore, il ribrezzo perpetrato negli anni dalla Casta politica italiana. Il 'Dottor Sottile', così soprannominato dal suo amichetto Eugenio Scalfari, è quanto di più lontano dal senso di legalità, moralità ed etica che vorremmo vedere oggi nel nostro paese. Amato è ex cassiere del Psi degli scandali craxiani. Amato è il pensionato d'oro più famoso d'Italia". "Pensione maturata - scrive ancora Sibilia sul suo profilo Facebook - dopo aver combattuto strenuamente contro la svalutazione della lira che ci ha portato a prostrarci alle imposizioni truffaldine di Maastricht. Amato è quello che dispose per decreto l'11 luglio del 1992 il prelievo forzoso del 6% dai conti correnti bancari per un 'interesse di straordinario rilievo. Amato è quello che nell'autunno dello stesso anno varò una manovra finanziaria 'lacrime e sangue' da 93.000 miliardi di lire (contenente tagli di spesa e incrementi delle imposte), per frenare l'ascesa del deficit pubblico, e la prima riforma delle pensioni. Spero solo che il posizionamento di cotanta personalità alla presidenza della Corte Costituzionale non sia il definitivo salvacondotto per il pregiudicato Berlusconi che magari riuscirà a portare alla consulta la questione di costituzionalità della legge Severino e magari, ancora una volta, Amato farà un cazzata". Sarcastiche le parole della senatrice  Paola Taverna: "Ma che bella notizia... Il presidente del Senato Grasso ci comunica che Giuliano Amato è il nuovo membro della Corte costituzionale.  Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha nominato l'ex premier giudice della Consulta in sostituzione di Franco Gallo che cessa dalle funzioni di giudice e di presidente della Corte il prossimo 16 settembre. Tutta gente nuova eh? Forse non gli bastava la pensione" scrive su Facebook.
Insomma, la nomina di Amato proprio non è vista di buon occhio dal Movimento 5 Stelle, il cui leader Beppe Grillo non ha ancora espresso il suo parere ma di certo non sarà diverso da quello degli altri grillini e c’è da scommettere che anche lui sarà poco clemente nei confronti del nuovo giudice della consulta. 

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©