Politica / Politica

Commenta Stampa

Mentre Salvini rilancia la propaganda anti-governo

M5S e Pd litigano per i posti da sottosegretario


M5S e Pd litigano per i posti da sottosegretario
12/09/2019, 16:42

ROMA - Ci sarebbero oltre 300 candidature tra Movimento 5 Stelle e Pd per i 43 posti da sottosegretario disponibili. Ed essendo difficile accontentare tutti, c'è un litigio continuo tra i due partiti per l'assegnazione dei posti. In particolare, ci sarebbero alcuni sottosegretariati chiave (Ministero dello Sviluppo Economico, Turismo, Infrastrutture, Riforme) che nessuno dei due partiti vorrebbe cedere all'altro. 

Per questo il Consiglio dei Ministri di oggi è durato solo un quarto d'ora. In pratica il tempo di sbrigare un po' di impegni burocratici e poi alla prossima. 

Ma questa situazione è zucchero per Salvini, che ovviamente ci si getta a pesce con un post su Facebook: "Dopo neanche una settimana al governo già si scannano per la distribuzione delle poltrone. Presidente Mattarella, davvero gli Italiani meritavano uno schifo simile?". A stretto giro di posta arriva la risposta di Manlio Di Stefano, del Movimento 5 Stelle: "Salvini con la poltrona sotto il deretano dal lontano ‘93 parla di M5S poltronaro perché da appena 2 giorni cerchiamo i nomi giusti per i ruoli giusti. Proprio non ce la fa a essere onesto". Ma è chiaro che i sosteniutori del primo ignoreranno l'obiezione del secondo. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©