Politica / Politica

Commenta Stampa

Vito Crimi: "Nessuna fiducia ai partiti"

M5S: eletti i capigruppo alla Camera e al Senato

Grillo e Casaleggio a Roma tra gli applausi dei grillini

M5S: eletti i capigruppo alla Camera e al Senato
04/03/2013, 19:45

ROMA – Inizia l’avventura romana per Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio, che si sono recati nella Capitale per incontrare i candidati del M5S presso l'Hotel Universo. Dopo una prima riunione dei candidati grillini avvenuta ieri, per concordare le linee direttive da adottare, oggi i 163 neoeletti del M5S hanno, con giubilo, dato il loro benvenuto ai loro leader. Strette di mani, pacche sulle spalle e un bel po’ di ironia quando il comico genovese ha cercato di disorientare i suoi seguaci con un’inattesa dichiarazione: “Adesso diamo la fiducia a Bersani”, ha così scherzato Grillo. Intanto, Grillo lascia dichiarazioni circa il prossimo papabile Presidente del Consiglio, in un’intervista pubblicata sul sito di Wired Italia, il leader del MoVimento prevede Passera come Premier italiano capace di unire tutti: “ Destra e sinistra erano già alleati prima con Monti. Lo saranno ancora con un altro presidente del Consiglio: Corrado Passera”.
Ed in riferimento all’Europa afferma: “ Sono a favore di un’Europa unita, ma che sia moderna, che parli la stessa lingua e non undici differenti come accade al parlamento europeo. Insomma, un’Europa che deve essere fondata su parole come spread e obbligazioni, ma su temi comuni. Un’Europa che abbia anche un fisco unificato”, annuncia il comico genovese. Portare la legalità, questo uno degli punti fondamentali del M5S.
“ Tutti gli imprenditori stranieri, francesi come tedeschi, saranno i benvenuti e potranno investire potendosi finalmente sentire più tutelati e garantiti”, questa la previsione del Grillo- pensiero contro la crisi.
E su Monti, non mancano le accuse per l’ultimo Premier : “Ha toccato i risparmi di famiglie che ora non possono andare avanti perché non hanno soldi. Come può essere questo il bene dell’Italia e, quindi, anche il bene dell’Europa?”, dichiara Grillo.
E in un’intervista rilasciata al New York Times, Beppe Grillo dichiara la sua assoluta impossibilità ad assicurare una stabilità al prossimo governo italiano: “Sarebbe come se Napoleone si mettesse d’accordo con Wellington”, prosegue il suo tsunami anche dopo la campagna elettorale il leader del MoVimento.

AGGIORNAMENTO DELLE ORE 19:45 A CURA DI EMANUELE DE LUCIA

Iniziano a diventare pian piano volti più noti gli uomini e le donne elette al Parlamento con il Movimento 5 Stelle. Nella seconda riunione a Roma, al tavolo con Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio, i candidati eletti alle Camere si sono presentati uno ad uno, mentre le immagini venivano diffuse dalla web-tv del sito 'La cosa'. Roberta Lombardi e Vito Crimi sono stati eletti rispettivamente capogruppo del Movimento 5 Stelle alla Camera e al Senato."Abbiamo già detto che una fiducia a un governo dei partiti non la daremo. Il governo lo individuerà il presidente Napolitano", con queste parole il capogruppo al Senato Vito Crimi conferma le dichiarazioni di Beppe Grillo, rilasciate negli ultimi giorni ai giornalisti. Capigruppo del movimento, ma non per un'intera legislatura. Ci sarà una rotazione dei rappresentanti alla Camera e al Senato ogni tre mesi. La distanza tra M5S e stampa italiana rimane. Una volta eletti capigruppo, Vito Crimi e Roberta Lombardi hanno deciso di non organizzare alcuna conferenza stampa. Ritorna il monito alla stampa e agli opinionisti sul termine 'grillini'. E' lo speaker della radio del movimento che ribadisce in diretta: "Non chiamateli grillini, smettiamola di chiamarli così. Se proprio volete, chiamateli al limite i '5 stelle'. Non sopporto proprio quel termine".

Nel pomeriggio il portavoce del Movimento Beppe Grillo commenta un'ipotesi di 'governissimo', che potrebbe nascere dall'intesa tra Pd e Pdl. Lo fa in un'intervista pubblicata in esclusiva sul sito di 'Wired Italia': "Non vogliono fare una nuova legge elettorale. Sono già d'accordo per mettersi assieme e governare facendo passare il Movimento 5 Stelle come irresponsabile. Ma noi saremmo irresponsabili se ci alleassimo con loro. Destra e sinistra erano già alleati prima con Monti. Lo saranno ancora con un altro presidente del Consiglio, Corrado Passera". Il diretto interessato, ministro per lo Sviluppo economico evita le domande dei giornalisti, che gli chiedono una reazione alle dichiarazioni di Grillo: "E lei si aspetta che io commenti? Non una parola".

 

Commenta Stampa
di Rosa Alvino
Riproduzione riservata ©