Politica / Parlamento

Commenta Stampa

M5S "Il ministro Orlando dichiara il falso tre volte"

Per evitare sanzioni Ue non servono inceneritori

M5S 'Il ministro Orlando dichiara il falso tre volte'
18/06/2013, 12:11

ROMA - E' assurdo leggere quello che ha affermato il Ministro all`Ambiente Orlando, che ha dichiarato che "per evitare le sanzioni europee per i rifiuti in Campania occorre costruire ancora due inceneritori, uno a Napoli ed uno a Salerno".

Falso tre volte!

1)Primo falso. Perché l' Europa del settimo programma e della strategia 2020 non ci chiede nuovi inceneritori. Con voto del Parlamento Europeo in data 20 aprile 2012 visto che ne prevede il divieto d'incenerimento entro il 2020 di qualsiasi materiale riciclabile e compostabile. L'Europa ci chiede riduzione, riciclo, raccolta differenziata porta a porta, impianti di selezione e riciclo, impianti di compostaggio.

2)Secondo falso. Perchè oramai gli inceneritori non li vuole nessuno. Sono fuori mercato ed un salasso per le casse pubbliche già disastrate del nostro Paese. Le gare d'appalto per la realizzazione degli inceneritori di Napoli e Salerno sono andate deserte più volte. Per inciso la Campania a detta dell'assessore all'ambiente Romano e' attualmente ad un livello di raccolta differenziata che la colloca al quarto posto nel panorama nazionale, delle due cose; una.

3)Terzo falso. Perché è oramai dimostrato che un inceneritore costa tantissimo a livello economico ed in termini di tempo. Sei anni per essere costruito, quando nel 2020 saranno di fatto fuori mercato secondo le linee guida votate dal Parlamento Europeo il 20 aprile 2012. Gli inceneritori costano tantissimo a livello di danni economici, creano immani alla salute, per i danni irrecuperabili all'ambiente. Non risolvono inoltre il problema dei rifiuti e non generano posti di lavoro a differenza della strategia Zero Rifiuti a zero combustione, che sviluppa e pieno la filiera economica del riciclo. Consigliamo su questo la lettura di uno studio francese in merito a cura dell' Associazione Francese per la Ricerca Terapeutica contro il Cancro.

Invece che continuare a sostenere la lobby dell'incenerimento il ministro "vedroide" Orlando si impegni a promuovere riduzione dei rifiuti, raccolta differenziata porta a porta con tariffa puntuale (abolendo la Tares come richiesto dal M5S con mozioni e proposte parlamentari), costruzioni di centri riciclo e compostaggio, sistemi alternativi all'incenerimento e la discarica. Queste sono i progetti veramente in linea con l'Europa!

Orlando è di La Spezia, città dove ha sede Termomeccanica Spa, importante azienda che costruisce inceneritori. Lo consigliamo a tutela di un sano sviluppo economico del Paese di suggerire a tale realtà economica di abbandonare il business dell'incenerimento, in quanto rappresenta un insopportabile salasso per le casse pubbliche dell'Italia e riconvertire il settore in selezione, riciclo, compostaggio.

Chiederemo conto di quanto affermato dal Ministro con una apposita interrogazione parlamentare.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©