Politica / Politica

Commenta Stampa

“Vuole solo aumentare affare sul suo blog”

M5S, Salsi contro Grillo dopo esser stato cacciato dal partito


M5S, Salsi contro Grillo dopo esser stato cacciato dal partito
12/12/2012, 19:24

Beppe Grillo caccia  Federica Salsi e Giovanni Favia dal Movimento 5 Stelle. Il comico genovese comunica ai due il divieto di utilizzare il logo del partito. Poi dal suo blog chiarisce: "Li prego di astenersi per il futuro dal qualificare la loro azione politica con riferimento al M5S o alla mia figura". "Gli auguro di continuare la loro brillante attività di consiglieri", commenta il leader del M5S.
Mentre di Favia non è ancora giunta replica, Federica Salsi non accetta di esser stata cacciata dal partito e accusa, a sua volta,  il comico-politico. “Il dissenso non è concepito all'interno del Movimento - spiega la consigliera comunale bolognese - paradossalmente i partiti, con tutti i disastri che hanno arrecato a questo Paese, sono più controllabili dai cittadini di quanto lo siano Grillo e Casaleggio". La Salsi attacca poi la candidature online dei grillini per il Parlamento dichiarano : "Non emerge un progetto politico, ma uno slogan elettorale. Viene il dubbio se non vi sia la volontà solo di aumentare il volume di affari del blog di Beppe Grillo".
Intanto su Twitter Beppe Grillo viene pesantemente criticato. C’è chi parla di "lapidazioni digitali contro i miscredenti" e chi di "modalità dittatoriale" nella gestione del movimento. Diffuso il paragone tra il leader del Movimento e Mussolini, con il motto attualizzato: "Credere, obbedire, taggare". Critiche ma anche tanta ironia da parte degli utenti, in particolare c’è un utente che scrive: "M5S passa da 5 a 3 stelle".
Per Federica Salsi tante le dichiarazioni di solidarietà che inducono la grillina a non dimettersi e di portare a termine il proprio mandato elettorale. Federica Salsi, eletta consigliere 5 Stelle a Bologna, espulsa dal Movimento da Grillo non getta quindi la spugna. "Porterò comunque avanti il mio mandato elettorale - spiega - perché i cittadini mi hanno affidato un compito ed io intendo portarlo fino in fondo. Se non ho più la possibilità di utilizzare il simbolo, pazienza. Mi sono candidata con un programma e cercherò di portarlo avanti". La Salsi proprio stamattina è stata avvisata di esser stata cacciata dal partito con una lettera. Salsi già accusata in passato per la partecipazione alla trasmissione televisiva 'Ballarò'' non risparmia critiche alla gestione nazionale targata Grillo-Casaleggio. "Evidentemente - sottolinea - il dissenso non è concepito all'interno del Movimento". Inoltre, attualmente, "emerge non un progetto politico con effettive proposte ma uno slogan elettorale". Salsi distingue nel 5 Stelle le dinamiche locali da quelle nazionali. "Ho sempre avuto a che fare con una dinamica locale estremamente indipendente da tutto quello che è il blog o Grillo mentre in questo momento ci stiamo muovendo dentro a dinamiche nazionali gestite in modo completamente diverso" con una "forte invadenza" da parte dei vertici. "Il fatto di non avere una struttura – spiega la ormai ex grillina - è un problema perché è tutto nelle mani di Grillo e Casaleggio. Paradossalmente - conclude - negli altri partiti, essendoci una struttura, c'è più possibilità di controllare chi è al vertice".

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©