Politica / Napoli

Commenta Stampa

Mancato riscaldamento nelle scuole di Chiaiano


Mancato riscaldamento nelle scuole di Chiaiano
03/12/2012, 16:40

Pisani chiede aiuto a prefetto e cardinale per Scuole e asili nido di chiaiano congelati , con neonati e bambini al freddo per mancato funzionamento impianto di riscaldamento nonostante l'inverno incalzi.

 Il presidente della municipalità non può fare altro che solidarizzare con i genitori e consigliare di vestire con equipaggiamenti anti gelo i bambini durante gli orari di scuola anche se per la nota crisi economica e le gravi responsabilità del comune, colpevole anche del mancato avvio della refezione scolastica, le scuole e asili nido della municipalità causa freddo  rischiano l’interruzione delle attività didattiche, se non arrivano subito soluzioni e rispetto dei diritti dei bambini 

Pisani: “e' scandaloso quello che sto vendendo durante questa amministrazione,ogni giorno ci piove addosso un problema diverso e non c'è modo di risolverli . Così sono Negati i diritti dei bambini e nascono nuove tensioni sociali. Se non arrivano soluzioni, protesteremo  con ogni strumento  a Palazzo San Giacomo.

“Dopo il caos  e disagi relativi al mancato servizio di refezione e alla mancanza di pagamento di rette e forniture nei convitti, semiconvitti e case famiglia da parte del Comune di Napoli, un’altra problematica rischia  di negare i diritti di centinaia di bambini  e neonati del territorio dell’Ottava Municipalità. Gli impianti di riscaldamento della scuola dell’Infanzia e dell’asilo nido ” a Chiaiano ,zona  piu' alta e fredda della citta', non funzionano e le attività didattiche rischiano ancora una volta di essere interrotte negando di fatto i diritti di centinaia di bambini in un territorio problematico e difficoltoso in cui la scuola rappresenta un’importante luogo di coesione e aggregazione”. 
Lo ha denunciato l’avvocato Angelo Pisani, presidente dell’Ottava Municipalità di Napoli, il quale dopo aver chiesto interventi seri al sindaco di Napoli De Magistris e di “comunicare subito alla Municipalità le soluzioni prese in merito date le numerose segnalazioni e l’urgenza del caso”, si appella alla sensibilità del prefetto e del cardinale per risolvere quest altro grave disservizio ed evitare pericoli .

“E’ necessario garantire subito ai bambini ed alle loro famiglie la continuità delle lezioni  e condizioni adeguate nelle strutture. E’ un malfunzionamento che non può andare oltre in quanto si mette a rischio la salute dei piccoli frequentatori – ha spiegato Pisani -. Nel caso tali disfunzioni continuassero si renderebbe necessario il blocco delle attività onde evitare di colpire lo stato di salute degli alunni che non possono far lezione al freddo”.

“I genitori continuano giustamente a chiedere spiegazioni sull’annoso problema e rispetto dei fondamentali principi costituzionali – ha continuato il presidente Pisani - . E’ una vergogna senza fine, fossi il sindaco manterrei le numerose promesse fatte in campagna elettorale proprio nei quartieri dell’Ottava Municipalità e farei il mio dovere in primis tutelando l’incolumità dei ragazzi e dei bambini e garantendo loro le attività scolastiche che sono un diritto inalienabile.

Inconcepibile infatti che queste rischiano di interrompersi a causa di negligenze ed omissioni di coloro che amministrano la  città. Il Consiglio Municipale ed il sottoscritto, pur consapevoli di non avere alcuna competenza in materia, onde evitare ulteriori tensioni sociali e non potendo restare insensibili alla problematica,  abbiamo ritenuto di farci carico del problema a tutela dei ragazzi del territorio stigmatizzando il disinteresse del Comune e sollecitando interventi e risposte immediate verso la gravissima ed intollerabile questione nonché sulle condizioni di vita ed abitabilità che riguardano i quartieri dell’Ottava Municipalità. Qualora non ci fosse riscontro siamo pronti a recarci a Palazzo San Giacomo e protestare a voce alta per la tutela  dei minori, del diritto alla scuola e per la qualità della vita degli abitanti” – ha concluso Pisani. 

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©