Politica / Politica

Commenta Stampa

Manfredi (Pd) su caso Sommese: Consulta parla chiaro

Basta furbizie su incompatibilità

Manfredi (Pd) su caso Sommese: Consulta parla chiaro
11/07/2013, 13:00

“La sentenza della Consulta parla chiaro: il consigliere regionale Carmine Sommese deve scegliere immediatamente. O resta in Consiglio o fa il sindaco”. A dichiararlo è il deputato nolano del Pd Massimiliano Manfredi, a commento della Sentenza 180 della Corte Costituzionale, che ha decretato la illegittimità del comma 5 dell’articolo 4 della Finanziaria regionale 2012, con cui si era improvvidamente esclusa l’incompatibilità sindaco-consigliere per i consiglieri regionali supplenti.

“La sentenza dice basta alle furbizie e non fa altro che confermare le ripetute sollecitazioni all'ex Prefetto De Martino, che puntualmente aveva inoltrato le prime prescrizioni. – continua Manfredi – Sollecitazioni mosse non appena il consigliere regionale Carmine Sommese, pur subentrato pro tempore al posto di un eletto coinvolto in inchieste giudiziarie, si è trovato in una clamorosa condizione di incompatibilità con la sua successiva elezione a sindaco di Saviano. Una anomalia grave ben confermata dalla Consulta, che nel provvedimento ha rivendicato “la necessità che la legge predisponga cause di incompatibilità idonee a evitare le ripercussioni che dall’unione di cariche possano derivare sulla distinzione degli ambiti politico-amministrativi delle istituzioni locali e, in ultima istanza, sull’efficienza e sull’imparzialità delle funzioni”, bocciando quindi la norma con cui il Consiglio regionale nei fatti aveva permesso a Sommese di mantenere la doppia carica”.

“Ora – chiude Manfredi - l’auspicio è che il presidente del Consiglio Romano, che tanto si era prodigato per contestare i doppi incarichi di alcuni assessori, agisca con rigore per attivare e portare a compimento la procedura di incompatibilità per il suo collega consigliere. In caso contrario solleciteremo il nuovo Prefetto Musolino per ripristinare in regione il corretto rapporto tra cittadini ed eletti”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©