Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Riguardava solo quattro province

Manovra finanziaria: abolito (di nuovo) il taglio delle province


Manovra finanziaria: abolito (di nuovo) il taglio delle province
10/06/2010, 15:06

ROMA - E' un deja vu che si è visto diverse volte: si dice che c'è il taglio alle province e agli altri enti inutili, poi si riduce e poi si annulla. E quello che viene tagliato sono gli enti utili. Ancora una volta si stava discutendo delle province. Dopo aver detto che sarebbero state tagliate, ma solo con una marea di limitazioni (solo quelle a statuto ordinario, non al confine, sotto i 200 mila abitanti o sotto i 150 mila se formate almeno per il 50% da territorio montano), nell'elenco ne erano rimaste quattro: Vercelli (180.111 abitanti) in Piemonte; Isernia (88.895 abitanti) in Molise; Fermo (176.488 abitanti) nelle Marche, e Vibo Valentia (167.334 abitanti) in Calabria. Ma la Lega non voleva il taglio di Vercelli, e quindi - usando strumentalmente la protesta del Presidente della Provincia di Isernia (il Molise ha solo due province) si è approvato un emendamento completamente soppressivo del provvedimento.
E così continueremo ad avere baracconi che non servono a niente solo per tenere in stand-by politici più o meno trombati alle elezioni per cariche politiche più importanti.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©