Politica / Regione

Commenta Stampa

"Quello di Tremoni è un a priori ingiustificabile"

Manovra, Formigoni:"Senza modifiche pronti a restituire le deleghe"


Manovra, Formigoni:'Senza modifiche pronti a restituire le deleghe'
06/07/2010, 21:07

MILANO - E' un Roberto Formigoni furente e determinato quello che, intervistato dal Tg3, boccia senza mezze misure la manovra economica anticrisi e minaccia:"Se nulla cambia siamo pronti a restituire le deleghe".
Il governatore della Lombardia ha comunque spiegato che "come tutte le altre Regioni sono favorevole alla ripresa del dialogo per arrivare quanto prima ad un accordo col governo" visto che, al momento, risulta inaccetabile il fatto che "I ministeri vengono tagliati dell'1%, alle regioni invece viene chiesto un sacrificio pesantissimo del 14%. Complessivamente, regioni, comuni e province sopporteranno ben oltre la metà della manovra". Evitando di inveire direttamente contro il Premier, che pure si era dimostrato indisponbile e pronto ad approvare il testo normativo correttivo a colpi di fiducia, Formigoni definisce poi "un a priori che non e' giustificato dalle cifre che piu' volte abbiamo fornito" il secco no  di Giulio Tremonti per quanto concerne l'eventuale variazione dei saldi e quindi gli emendamenti chiesti a gran voce degli enti locali di tutto il paese.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©