Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Presentati 1300 emendamenti, quasi tutti della maggioranza

Manovra: il buco si amplia a 6 miliardi, pronta la fiducia


Manovra: il buco si amplia a 6 miliardi, pronta la fiducia
31/08/2011, 09:08

ROMA - La riunione di ieri ad Arcore avrà anche stabilito un accordo tra il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e il MInistro delle Riforme Umberto Bossi, ma tale accordo non si estende al resto dei partiti. La dimostrazione c'è al Senato: finora sono stati presentati 1300 emendamenti al decreto legge che contiene la manovra finanziaria; e la maggior parte sono a firma della maggioranza. Il Terzo Polo ne ha presentati meno di 100; Pd ed Idv, messi insieme, non arrivano a 300.
Intanto anche la Ragioneria Generale ha verificato l'impianto delle modifiche decise e hanno calcolato che il buco potrebbe essere persino più ampio di quanto inizialmente previsto: non 4,5 miliardi, ma addirittura 6. Tanto che avanza l'idea di introdurre sin da subito l'aumento dell'Iva di un punto o di un punto e mezzo, per ottenere i 5-6 miliardi che mancano. Resta invece immutata la convinzione che i dati di Bankitalia e dell'Fmi sulla crescita italiana (valutata sotto l'1% nel 2011 e nel 2012) siano troppo pessimisti e che la crescita sarà vicina all'1,1% stabilito dal governo per il 2011 e dell'1,3% per il 2012.
Resta adesso da vedere cosa farà il governo: stasera alle 18 dovrebbe essere presentato al Senato il maxiemendamento con tutte le modifiche stabilite ieri ad Arcore. Dopo di che venerdì o lunedì della settimana prossima il provvedimento dovrebbe sbarcare in aula. E qui è facile immaginare che verrà posta la fiducia, dato il delicato ed instabile equilibrio ottenuto. Un equilibrio che comunque sta destando molta rabbia nella base sia della Lega che del Pdl.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©