Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Prevista una spesa di 20 milioni

Manovra: rispunta la mini-naja per creare i futuri balilla


Manovra: rispunta la mini-naja per creare i futuri balilla
05/07/2010, 09:07

ROMA - Il governo continua a chiedere sacrifici e a fare tagli a tutti i livelli, ma contemporaneamente aumenta le spese per iniziative quanto meno discutibili. L'ultima, presentata con un emendamento dal relatore della manovra al Senato, il senatore Antonio Azzolini del Pdl, riguarda il ritorno della cosiddetta "mini-naja". Si tratta di un vecchio pallino del Ministro della Difesa Ignazio La Russa: un periodo di addestramento militare di tre mesi, riservato ai giovani che vogliano sperimentare l'impatto con la vita del soldato. Secondo l'emendamento Azzolini, possono partecipare i ragazzi tra i 18 e i 30 anni, che devono sottoporsi ad esami che dimostrino di non consumare alcool o droghe e versare un piccolo contributo, per poter indossare una divisa dell'esercito. L'iniziativa - è scritto nero su bianco - si inquadra "nell’ambito delle iniziative per la diffusione dei valori della cultura della pace e della solidarietà internazionale tra le giovani generazioni". Ma non si tratta di un provvedimento a costo zero: sarebbero stanziati quasi 20 milioni di euro tra il 2011 e il 2012 per questa iniziativa. Alla fine dei tre mesi verrebbe rilasciato un certificato che servirebbe solo per esntrare nell'associazione d'arma e - con l'assenso del Ministero dell'Istruzione - per avere qualche credito formativo. Insomma a ben poco, dato che non servirebbe come titolo neanche per superare l'ammissione all'esercito volontario. Per chi vi partecipa l'obbligo di versare una cauzione che copre l'affitto delle attrezzature e della divisa; se alla fine del corso li si restituisce danneggiati o si decide di tenerseli, la cauzione non verrebbe restituita.
Se ricordiamo che in questa manovra c'è un emendamento - di cui è stato promesso il ritiro, ma che c'è ancora - che taglia le tredicesime alla Polizia e ai prefetti, e se ricordiamo che dal 2008 ad oggi questo governo ha tagliato 3 miliardi di euro di risorse per le forze dell'ordine, l'iniziativa preoccupa da una parte ma dall'altra è ridicola.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©