Politica / Napoli

Commenta Stampa

Manutenzione strade, Chiosi e Ruffolo: "da Gennaio 345000 euro di danni da pagare solo per la I Municipalità"


Manutenzione strade, Chiosi e Ruffolo: 'da Gennaio 345000 euro di danni da pagare solo per la I Municipalità'
10/09/2011, 10:09

<<Dall'inizio di Gennaio ad oggi - denunciano il Presidente Chiosi ed il Consigliere Ruffolo - il Comune di Napoli è stato condannato a pagare ben 345000 euro di danni causati dalla pavimentazione stradale, soltanto per la I Municipalità.
Una cifra enorme - spiegano i due esponenti della Municipalità - se solo si considera che il Comune di Napoli stanzia per la manutenzione delle strade secondarie, quelle di competenza della Municipalità, circa 300000 euro all'anno soggetti al ribasso del 40%. La maggior parte degli incidenti, quelli reali e con sentenza di condanna del Tribunale, si sono verificati sulle strade primarie, quelle di competenza del Comune, dove la manutenzione è completamente assente.
Calcolando una media tra tutte le 10 Municipalità - continuano Chiosi e Ruffolo - possiamo affermare che dall'inizio dell'anno ad oggi, per la città, vi sono stati circa 3 milioni di euro di danni, stabiliti con sentenze del Tribunale, dovuti alla cattiva manutenzione delle strade.
Come è possibile - attaccano il Presidente ed il Consigliere - che il Comune continui a spendere più soldi per pagare i danni alle persone ed ai veicoli che non per fare finalmente una reale manutenzione? E' assurdo! Le gare si affidano ancora con i ribassi massimi, i lavori non vengono controllati a dovere ed alle Municipalità si continuano a tagliare i fondi proprio sulla manutenzione.
Chiediamo al Sindaco - concludono Chiosi e Ruffolo - di intervenire con fatti e non chiacchiere sul comparto manutenzione stradale. Bisogna correre ai ripari perché spesso ci è scappato anche il morto! Abbiamo le nostre proposte sul tema, ma la vecchia amministrazione non le ha mai volute accettare. Auspichiamo un diverso approccio con questa amministrazione ma chiediamo anche più concretezza>>.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©