Politica / Politica

Commenta Stampa

Marcianise: Consiglio comunale sulla crisi occupazionale


Marcianise: Consiglio comunale sulla crisi occupazionale
13/11/2013, 10:33

MARCIANISE - Il consiglio comunale, riunitosi martedì 12 novembre per discutere della “crisi occupazionale”, ha approvato all’unanimità dei presenti un documento attraverso cui Impegna il Sindaco Antonio De Angelis e la Giunta a:
Istituire  un tavolo permanente tra le istituzioni e segnatamente: il Comune, la Provincia, la Regione, l’Unione industriale, le OO.SS.  maggiormente rappresentative sul tema del lavoro e dell’occupazione sul territorio di Marcianise.
Redigere regolamenti che prevedano preventivamente la stipula di protocolli d’intesa e convenzioni con i soggetti imprenditoriali interessati  ad investire sul territorio finalizzato a tendere alla massima occupazione della forza lavoro locale.
Introdurre meccanismi di fiscalità di vantaggio per aziende che assumono forze lavoro residenti sul territorio comunale di Marcianise.
Prevedere nel conferimento di appalti pubblici meccanismi assicuranti rotazioni e determinati punteggi per le ditte  che impiegano manodopera locale.
Attivare nell’immediato l’esternalizzazione di tutte le aree, le strutture ed i servizi che ricadono nella sfera comunale in sinergia con il Consiglio comunale.
Avviare un confronto serio con il consorzio Asi ed Ise al fine di riaffermare il principio di sovranità dell’Ente comunale rispetto al territorio di appartenenza e di competenza, dando immediato incarico all’amministrazione di accertare la sussistenza o meno delle situazioni di diffusa illegittimità evidenziate nel corso della discussione
Promuovere ed attuare a stretto giro di tempo le tematiche proprie del Puc realizzando concreta possibilità di utilizzo e fruizione delle zone esterne al centro abitato
Avviare un censimento delle aziende operanti sul territorio
Adeguare l’offerta formativa locale coinvolgendo le istituzioni scolastiche ed universitarie  alle sopraggiunte esigenze odierne di personale adeguatamente specializzato
Porre subito in essere un percorso amministrativo finalizzato a recepire i progetti per il rilancio dell’agricoltura
Riqualificare il centro storico attraverso agevolazioni fiscali ed incentivi per chi effettua lavori di ordinaria e straordinaria manutenzione delle facciate dei palazzi.
Istituire  un’agenzia per lo sviluppo ambientale sostenibile
Favorire le iniziative imprenditoriali e commerciali sfruttando le potenzialità del vigente Piano regolatore.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©