Politica / Regione

Commenta Stampa

Marciano (Pd) a Ruggiero su Pride 2013

Discutere subito in commissione legge contro discriminazioni

Marciano (Pd) a Ruggiero su Pride 2013
27/06/2013, 16:55

“Sarebbe una bella notizia poter annunciare che la VI commissione del Consiglio regionale ha calendarizzato la discussione per la proposta di legge  sulle Disposizioni contro le discriminazioni determinate dall’orientamento sessuale o dall’identità di genere in concomitanza con la manifestazione del Pride 2013 che si terrà a Napoli il prossimo 29 giugno. Diversamente, le annuncio che d’intesa con i colleghi firmatari della proposta, chiederò di richiamare, secondo quanto previsto dallo Statuto, il provvedimento in Aula”.

Così scrive il consigliere regionale del Pd, Antonio Marciano, nella lettera che oggi ha inviato alla Presidente della VI commissione, Antonia Ruggiero.

Marciano ricorda che questa proposta di legge  è ad iniziativa unitaria dei componenti la IV Commissione Consiliare Speciale presieduta da Donato Pica e che “è stata assegnata alla commissione Politiche Sociali nel settembre 2011”.

“Comprenderà – scrive Marciano -  l’amarezza di chi ha lavorato per conto del variegato mondo dell’associazionismo LGBT che aveva inteso da parte del legislatore regionale, una dichiarata volontà ed un protagonismo in una battaglia che è allo stesso tempo di civiltà e di  affermazione di una società non più caratterizzata da discriminazioni di ogni tipo”.

            “Come Le è noto  - continua il consigliere regionale del Pd - l’Italia è l’unico Paese d’Europa e del mondo Occidentale che non ha ancora una legislazione che tuteli e rappresenti il diritto alla vita insieme tra persone dello stesso sesso, ancor di più non ha un quadro normativo che condanni penalmente reati di discriminazione sessuale. Questo è segno di arretratezza culturale che lascia pericolosamente spazio a forme di violenza di ogni tipo contro chi è percepito “diverso” da anacronistici modelli di vita della nostra società. Ieri – conclude Marciano - la Corte Suprema degli Stati Uniti d’America ha riconosciuto il diritto a sposarsi tra persone dello stesso sesso. Sarebbe un segnale positivo calendarizzare il provvedimento”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©