Politica / Politica

Commenta Stampa

Marciano (PD): Fondi Ue, nessun miglioramento di spesa

Regione ha 2,5 miliardi di euro

Marciano (PD): Fondi Ue, nessun miglioramento di spesa
07/10/2013, 14:26

Napoli – “La Campania è sul fondo delle classifiche in sanità, export, competitività, occupazione. In pratica, in ogni settore della vita sociale ed economica della nostra regione. Colpa della congiuntura economica, ma anche dell’incapacità di questa Giunta di contrastare la crisi con politiche adeguate ed efficaci”. Così Antonio Marciano, vicecapogruppo del Partito Democratico al Consiglio regionale della Campania, nel suo intervento in aula nella seduta monotematica del consiglio sull'utilizzo dei fondi europei.
“Anche nei Fondi Europei permangono alcune criticità – ha spiegato Marciano – Innanzitutto, è evidente lo scarso riflesso sull’economia e sull’occupazione della spesa di queste risorse. E c’è, alla base, l’incredibile ritardo accumulato dalla Campania: la capacità di spesa è migliorata solo perché è diminuito l’ammontare totale dei fondi, solo perché è stata restituita al Governo nazionale quasi tutta la quota di cofinanziamento dei programmi Por-Fesr, rinunciando a quasi 2,5 miliardi di euro. Ciò nonostante, la spesa effettiva in valore assoluto rimane bassa e con un andamento molto lento. È stato un errore concentrare il 60% delle risorse sui grandi progetti, perché su di essi permangono grandi criticità e perché l’unica spesa certificata sono i 400 milioni per la linea della metropolitana. Nell’ambito dei fondi Feasr per l’agricoltura, poi, la Campania resta ultima per avanzamento di spesa e prima per il rischio disimpegno”.
Per l’esponente democrat, “anche il tentativo disperato della Giunta regionale di accelerare della spesa sta producendo al contrario solo rallentamenti, come nel caso dell’incomprensibile bando di assistenza tecnica per i fondi Fse, guarda caso bloccato dal Tar per illegittimità”.
“Se la spesa dei fondi Ue è stata negativa fino ad oggi – incalza il vicecapogruppo del PD – non è possibile sbagliare ancora con la prossima programmazione. Per questo, bisogna puntare su quattro importanti assi strategici, stabiliti dal tavolo nazionale: innanzitutto le città e le aree interne, anche con un grande piano di rigenerazione urbana per dare decoro, crescita, vivibilità al nostro territorio. Poi, interventi per l’efficientamento e il risparmio energetico, non più rimandabile, insieme a investimenti sulla inclusione sociale, sul sistema territoriale delle imprese, per ridare speranze ai giovani e rilanciare l’occupazione e contrastare le nuove aree di povertà. Infine, concentrarsi sull’ambiente, dove giochiamo una partita fondamentale per il nostro territorio e dove servono scelte coraggiose, fondi impegnati nel modo giusto, a partire dalla vigilanza e dal controllo del territorio contro i roghi di rifiuti e per le bonifiche”, conclude Marciano.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©