Politica / Regione

Commenta Stampa

Maresca e piano sanitario regionale: verifiche e proposte

Un'iniziativa per ottenere chiarezza e risposte concrete

Maresca e piano sanitario regionale: verifiche e proposte
14/09/2011, 14:09

A distanza di circa 3 anni dall’approvazione del PSR dell’Amministrazione Bassolino, che vedeva irragionevolmente ridimensionato il nostro Ospedale (critiche già da noi elaborate  dettagliatamente per i costi, per la tutela della Salute e della Sicurezza  degli impianti suppletivi, vedi O. di Boscotrecase e/o l’incompiuto O. del Mare ), sconcerta il constatare come nel tempo quel Piano abbia subito delle modifiche in “diminuito” con un continuo depauperamento dei servizi afferenti al Maresca, nonostante una percepita azione di protesta dell’Amministrazione Comunale, ad effetto “mediatico” ma assolutamente tardiva ed infruttuosa nei risultati, con gravi conseguenze sulla qualità dei Servizi Sanitari erogati per il ns territorio.
In considerazione, quindi, della debole e miope rappresentanza  che ha caratterizzato la politica locale nelle varie Istituzioni, dimostrata negli anni da una condotta con poco raziocinio speso a solo egoistico vantaggio personale o di nicchia elettorale ma certamente ai danni della città, la nostra Associazione ha sviluppato un’ipotesi di intervento, elaborato da una analisi dei fatti, da attuare attraverso una sinergia tra il Comitato Maresca, ultimo e immarcescibile baluardo civico a difesa della Salute dei cittadini del territorio, e la Politica Istituzionale (quella reale e non demagogica o peggio ancora “coccodrilliana”), che edotta sulla finalità dell’iniziativa si è resa disponibile  con rappresentanti Regionali (già contrari a quel PSR) nonchè con il presidente dell’ANCI della Regione Campania che ha assicurato il proprio impegno anche a sensibilizzare i Sindaci dei territori interessati alla problematica.
L’ipotesi e la elaborazione analitica della stessa saranno enunciate venerdì 16 settembre 2011 presso l’Hotel Marad alle ore 18.30.   Tale data è stata scelta non a caso , infatti , nel giorno precedente l’Amministrazione Regionale dovrebbe finalmente designare il Direttore Generale dell’ASL NA3 Sud ( dovremmo sapere quindi a quale raggruppamento politico o meglio ancora a quale politico di riferimento nell’ambito della spartizione lottizzatoria saranno indirizzate le nostre richieste, così come sappiamo da tre lustri da chi è stata gestita male la Sanità Campana). Tale iniziativa prevede comunque la partecipazione attiva di tutti i protagonisti ( politici, associazioni, comitati e cittadini ), ciascuno nel proprio ambito di appartenenza, che vogliano contribuire a migliorarla al fine di ottenere CHIAREZZA e concrete risposte scritte senza inutili proclami e/o fatue adesioni di pensiero (vedi o.d.g.,  mozioni,  interpellanze ed incontri infruttuosi e demagogici succedutesi nel tempo ).

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©