Politica / Politica

Commenta Stampa

Le leadership politiche non possono improvvisarsi

Marina Berlusconi non sarà l'erede del Cavaliere

"Il mio posto è nelle aziende"

Marina Berlusconi non sarà l'erede del Cavaliere
10/08/2013, 11:55

ROMA - Non sarà Marina Berlusconi, primogenita di Silvio e attuale presidente di Fininvest e di Mondadori, a scendere in campo come erede del Cavaliere. In molti sono ad invocarne la candidatura alle prossime elezioni, per guidare la nuova Forza Italia, ma lei dice no. Ribadisce ai manager del gruppo Fininvest e ai suoi più stretti collaboratori di non aver cambiato idea: non è nelle sue intenzioni impegnarsi in politica, il suo posto è nelle aziende. In alcune telefonate con i suoi collaboratori avrebbe affermato: “E' vero, questo Paese, questa democrazia ferita hanno disperato bisogno di un Berlusconi che c'è, si chiama Silvio, e non molla. Il mio posto è qui, nelle aziende, a maggior ragione in una situazione complessiva così delicata”. Nutre molto rispetto per i ruoli politici e, proprio per questo, ritiene sia difficile che le leadership politiche possano essere trasmesse per via ereditaria. “Come nelle aziende: occorrono anni di dura gavetta e di apprendistato prima di poter essere in grado di aspirare a posizioni di vertice”.

Commenta Stampa
di Francesca Galasso
Riproduzione riservata ©