Politica / Regione

Commenta Stampa

Cascetta: "Primo scalo sul modello delle stazioni d'arte"

Marina di Arechi, approvato il progetto del porto


Marina di Arechi, approvato il progetto del porto
13/01/2010, 18:01

NAPOLI - Oggi, nella sede dell'assessorato ai Trasporti della Regione Campania, al Centro Direzionale di Napoli, alla presenza dell’assessore Ennio Cascetta, è stato approvato il progetto definitivo, comprensivo della valutazione di impatto ambientale, del nuovo porto turistico di Marina di Arechi, a Salerno.

Il progetto è stato realizzato dal celebre architetto spagnolo Santiago Calatrava per conto della società “Salerno Container Terminal SpA”, capogruppo dell'A.T.I. (associazione temporanea d'imprese) che si è aggiudicata la costruzione e gestione dello scalo attraverso una procedura di finanza di progetto (project financing).

I lavori del nuovo scalo turistico – il primo del capoluogo e della provincia salernitana – saranno finanziati interamente dall'aggiudicatario con circa 100 milioni di euro di capitali privati, e prevedono la realizzazione di 1.000 posti barca.

Dopo i porti di Marina di Stabia a Castellammare (già in funzione) e di Pinetamare a Castel Volturno, in provincia di Caserta (in fase di avvio dei lavori), è questo il terzo scalo campano che giunge al termine di una procedura di project financing, ossia di un complesso iter che prevede l’utilizzo di capitali privati per la realizzazione e gestione dell’opera.

A breve si avvierà la conferenza dei servizi per approvare il progetto dell'altro porto turistico di Salerno previsto dalla programmazione regionale, ossia quello di Pastena.

L'iter per la realizzazione di marina di Arechi è cominciato nel 2001 con l’inserimento del porto turistico nel Programma regionale integrato per lo sviluppo della portualità turistica della Campania.

La Regione ha quindi avviato le complesse procedure della finanza di progetto, con la sottoscrizione di un Protocollo d’intesa con il Comune di Salerno, l’indizione di un primo bando di gara che ha individuato il promotore dell’opera, la sottoscrizione di un Accordo di Programma con Provincia e Comune di Salerno per approvare il progetto preliminare e la prevista variante urbanistica, e infine la seconda gara prevista dalla normativa, al termine della quale è stato individuato l’aggiudicatario definitivo, al quale è stata rilasciata la concessione demaniale marittima per la progettazione, realizzazione e gestione del nuovo porto turistico.

Il progetto prevede la realizzazione del nuovo scalo nella zona sud di Salerno, tra Torre Angellara e il fiume Fuorni, nelle aree antistanti lo stadio di Arechi, e sarà dotato di strutture a supporto delle attività di diporto nautico quali: distributore di carburante, servizi per riparazioni e piccola manutenzione ordinaria e straordinaria, servizi commerciali di pertinenza, parcheggio, officine, ristoranti, uffici, servizi di prima assistenza sanitaria.

“Oggi si conclude un iter lungo e complesso per la realizzazione del porto di Marina di Arechi – spiega l'assessore ai Trasporti della Regione Campania, Ennio Cascetta – che rientra nel programma regionale per lo sviluppo della portualità turistica della Campania, e che rappresenta un'importante occasione per il turismo e l'occupazione della città di Salerno, della provincia e dell'intera regione. Per la prima volta in Italia, un progetto portuale avrà un alto livello di qualità architettonica, grazie a Santiago Calatrava, spostando sul mare quello che già stiamo facendo da anni per la metropolitana regionale, dove le stazioni dell'arte sono anche belle oltre che funzionali, grazie all'impiego dei migliori architetti internazionali. In questi anni tanti porti sono stati realizzati o adeguati e potenziati, mentre tanti altri sono in fase di cantiere in tutta la regione e sono stati creati circa seimila nuovi posti barca. Un progetto che avrà riflessi positivi anche sull'occupazione, visto che negli scali nuovi o potenziati saranno impegnati complessivamente oltre settemila addetti diretti, di cui la metà nuovi, ai quali si aggiungeranno gli operatori del cosiddetto “indotto diffuso” (commerciale e turistico), la cui stima varia in funzione delle caratteristiche di attrattività dei diversi luoghi”.

“E’ un momento estremamente importante per il decollo operativo del progetto “Marina d’Arechi-Port Village” - aggiunge Agostino Gallozzi, presidente della “Salerno Container Terminal SpA” - siamo naturalmente molto soddisfatti perché l’iniziativa che il Gruppo Gallozzi ha messo in campo si è rivelata di assoluta qualità strutturale ed urbanistica e pienamente sostenibile dal punto di vista ambientale. Credo che ci siano tutte le condizioni per realizzare un’opera che renderà fortemente attrattivo non solo il litorale salernitano, ma l’intera costa campana, aumentando l’offerta diportistica nel segno della qualità ai massimi livelli”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©