Politica / Politica

Commenta Stampa

“Se vince Berlusconi a farne le spese saranno gli italiani”

Mario Monti contro tutti


Mario Monti contro tutti
23/01/2013, 09:23

ROMA - Lo spettro della crisi non si è allontanato, Monti è stato chiaro: “L'Italia salva? Dipenderà dal voto”. Durante il suo intervento televisivo di ieri sera da Floris per Ballarò, l’ex Premier ha esposto i punti su cui verterà il suo impegno politico: “Nuova legge elettorale, riduzione dei parlamentari e dei costi della politica, riforma del titolo V e delle competenze regionali per una più efficace politica delle infrastrutture”. Non si lascia andare a formalismi né a facili diplomazie: “Meno tasse come dice il Cavaliere, meno corruzione come dice Bersani ma l'Italia non può essere governata né dall'uno né dall'altro”.Contro il Cavaliere, poi aggiunge: “Non ho la capacità di manipolazione della realtà di Berlusconi”. E su Angelino Alfano commenta: “Alfano non è niente, il problema è lui con Berlusconi e la Lega”. Monti lancia qualche parola al veleno anche per il Pd: “Non vedo la capacità di Bersani di fare un governo con Vendola e Camusso. Sono d'accordo con Grillo quando dice che siamo in guerra e come lui ho la profonda sfiducia che Berlusconi o Bersani possano guidare l'Italia”. Se da un lato disapprova aspramente Berlusconi aggiungendo che in un’ipotetica vittoria a farne le spese saranno gli italiani, Monti non smette di criticare vecchie glorie del Pd come D’Alema, rifiutando lezioni di moralità da quest’ultimo . E sul fronte europeo Mario Monti afferma : “Attribuire le colpe alla Merkel è indice di provincialismo. L’ex Premier è ricordato per la cordialità, non per i fatti", ha concluso il Professore.

Commenta Stampa
di Rosa Alvino
Riproduzione riservata ©