Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Maroni annuncia stanziamento di 79 milioni per il Comparto, Coisp preoccupato


Maroni annuncia stanziamento di 79 milioni per il Comparto, Coisp preoccupato
18/03/2011, 12:03

“Nessuna sfiducia preventiva e nessun intento recriminatorio, ma non possiamo nascondere i nostri timori per la possibile ennesima delusione nascosta dietro l’angolo. Se infatti i soldi che ci sono dovuti per il 2011 per il finanziamento di misure perequative venissero stornati dai fondi per il riordino delle carriere, è chiaro che sarebbe un’operazione truffaldina bella e buona. ‘ULTERIORI’ fondi può significare solo una cosa: che quelli destinati ad altro non si toccano! E noi vigileremo su questo”. Così Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp, Sindacato Indipendente di Polizia, dopo le dichiarazioni del ministro dell’Interno, Roberto Maroni, che nel corso del question-time alla Camera ha parlato di “...un provvedimento d’urgenza da portare al prossimo Consiglio dei ministri per uno stanziamento di ULTERIORI 79 milioni di euro destinato a polizia, vigili del fuoco e rappresentanti delle forze armate”. Maroni ha poi annunciato che “...prima del Cdm si terrà a Palazzo Chigi un incontro con le Associazioni Sindacali del Comparto sicurezza voluto dal Presidente del Consiglio, il quale ne ha anticipato i contenuti lunedì scorso ai rappresentanti delle Forze dell’ordine che sono andati a fargli visita ad Arcore”. “A parte la piccola ma doverosa ennesima precisazione – aggiunge il leader del Coisp - che quel giorno, per quanto riguarda i Sindacati della sola Polizia di Stato, fuori dalla residenza ed all’incontro con il Premier c’erano il Coisp, il Siap-Anfp ed il Silp per la Cgil (giusto per evitare facili strumentalizzazioni), siamo indotti dalle brutte esperienze vissute in passato, soprattutto con questo Governo, a sottolineare l’ovvio, e cioè che queste ‘ulteriori’ risorse non devono provenire dalla ‘distrazione’ di quelle già destinate ad altro. Sarebbe come l’ennesima manche del gioco delle tre carte, e chi dovesse appoggiare una cosa simile sarebbe solo un vigliacco truffatore dei colleghi. “Ci scuseranno il Ministro e l’intero Governo – conclude Maccari - se sembriamo scettici e malfidati, ma dopo il disastroso trattamento riservatoci in questi mesi, sentire Maroni dire che ‘...sono giuste le rivendicazioni dei Sindacati...’, e che ‘...c’è l’esigenza di dare la necessaria valorizzazione economica a comparti che hanno acquisito negli anni una forte dignità dal punto di vista giuridico, non sempre accompagnata dal dovuto riconoscimento economico...’, e che ‘...la Polizia, Forze armate e Vigili del fuoco che si stanno spendendo con straordinari risultati anche nelle emergenze, non possiamo non riconoscere un migliore trattamento economico...’, ci è sembrato quasi un triste sfottò! Ai nostri governanti il compito di farci cambiare idea… con i fatti però!”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©