Politica / Regione

Commenta Stampa

Marotta: "Movida tranquilla a Chiaia"


Marotta: 'Movida tranquilla a Chiaia'
26/04/2011, 15:04

Il grande caos delle sere di Pasqua e Pasquetta ha messo ancora una volta l’accento su quanto sia difficile vivere nei quartieri della cosiddetta Napoli-bene. Lancia la sua denuncia l’avvocato Filippo Marotta candidato, nelle fila di Forza del Sud, alla Prima Municipalità “Chiaia-Posillipo-San Ferdinando” alle elezioni amministrative del 15 e 16 maggio prossimo.

La vivibilità nella zona della movida deve essere al primo punto dell’ordine del giorno del prossimo parlamentino. “Per migliorare la vivibilità di questa zona – attacca Filippo Marotta- occorre partire dalle piccole cose. Garantire la normalità è un buon punto di partenza. Impensabile che quanti vivono un territorio ne debbano diventare ostaggio perché in alcuni momenti della settimana questo diventa terra di nessuno, nelle mani di quanti hanno solo intenzione di trarne profitti leciti e non.

Occorre –continua Marotta- partire dal controllo delle strade, dalla lotta alla sosta selvaggia. Si devono individuare nuove aree di parcheggio in modo tale da favorire l’afflusso di auto nella zona. I parcheggi sono rari e cari e questo scoraggia la sosta per più di un’ora. La passeggiata per lo shopping è fatta cronometro alla mano per non pesare più di tanto sul bilancio familiare. Quattro euro per un’ora di sosta in garage sono veramente molti anche per chi non ha problemi di portafoglio.

Soltanto realizzando nuovi parcheggi e facendo così crescere l’offerta si può pensare di fare calare i prezzi. Al tempo stesso –conclude Marotta- si alleggerirebbe anche la sosta selvaggia notturna. Per migliorare quest’ultimo aspetto però occorre agire di concerto con l’amministrazione comunale. Soltanto riformando e spalmando meglio la risorsa vigili urbani si può garantire un maggiore controllo del territorio. Difficile trovare anche pattuglie di carabinieri e polizia anche loro in perenne carenza di organico”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©