Politica / Parlamento

Commenta Stampa

MARRAZZO INTERVIENE SULLA RISTRUTTURAZIONE DELLA RETE OSPEDALIERA IN CAMPANIA


MARRAZZO INTERVIENE SULLA RISTRUTTURAZIONE DELLA RETE OSPEDALIERA IN CAMPANIA
25/10/2008, 13:10

Sulla bozza di “Piano di ristrutturazione e riqualificazione della rete ospedaliera” predisposto dall’Assessorato alla Sanità, interviene il vicepresidente del gruppo Forza Italia in consiglio regionale, Pasquale Marrazzo.
“Non immaginino l’Assessore Montemarano e la Giunta -dichiara Marrazzo- di strozzare il confronto sull’argomento ed imbavagliare la commissione sanità ed il consiglio, facendo circolare una bozza del piano di ristrutturazione e riqualificazione della rete ospedaliera, perché così facendo non andrebbero da nessuna parte.
Per quanto ci riguarda, come Forza Italia, l’approfondimento ed il confronto sui territori, in commissione ed in consiglio, inizierà dopo che la Giunta avrà approvato, se lo riterrà, il disegno di legge di modifica del vigente piano ospedaliero, di cui alla legge regionale 24/06.
Ci teniamo a precisarlo con anticipo, perché con i tempi già non ci siamo, non avendo ancora, ad oggi, la Giunta approvato alcun disegno di legge in proposito.
Infatti –continua Marrazzo- il tavolo tecnico per la verifica trimestrale di attuazione del piano di rientro, nella riunione del 10 u.s., ha imposto che lo schema di provvedimento di modifica della legge 24/06, proposta dalla Giunta in quella sede, sia tradotto in provvedimento consiliare ed approvato entro novembre 2008.
D’altro canto, la legge 24/06 prevede che eventuali modifiche al vigente piano ospedaliero proposte dalla Giunta “devono essere sottoposte al consiglio, che si pronuncia entro il termine perentorio di 30 giorni, decorsi i quali la pronuncia si intende favorevole”.
Se la Giunta pensa –continua ancora Marrazzo- di far trascorrere infruttuosamente i 30 giorni a disposizione del consiglio, strozzando così i tempi per l’approfondimento, il confronto e il dibattito, con l’intento di non far modificare il piano che approverà, e di scaricare sul consiglio la responsabilità per la mancata approvazione nei 30 giorni -sapendo bene di andare in contrasto con quanto stabilito dal tavolo tecnico, che ha chiesto espressamente l’approvazione del consiglio-, significa che ha scelto di far commissariale la sanità.
Stiano pur certi però –conclude Marrazzo- che tutto ciò non passerà sotto silenzio, sulla testa dei cittadini e dell’opposizione in consiglio regionale”.

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©