Politica / Politica

Commenta Stampa

Mazzarella (Comitato Cuperlo Napoli): Gli atenei campani e meridionali siano al centro della legge di stabilità


Mazzarella (Comitato Cuperlo Napoli): Gli atenei campani e meridionali siano al centro della legge di stabilità
25/11/2013, 15:05

NAPOLI - “La grave crisi delle università del Sud è l’esito logico dei dissennati tagli all’università pubblica avviati dalla legge Gelmini, che si sarebbero scaricati, come era ampiamente previsto, innanzi tutto sugli atenei meridionali, che pagano più di tutti il dazio pesante, anche questo previsto, di un contesto socio-economico deprivato” ha dichiarato Eugenio Mazzarella, coordinatore del Comitato Cuperlo per Napoli e docente alla Federico II.
“Confidiamo che la presenza a Napoli del ministro Carrozza il prossimo 28 novembre, rappresenti concreti impegni del governo per interventi perequativi sul turn over dei docenti negli atenei del Sud non più rinviabili. Sarà tutto importante, ma senza professori e ricercatori non c’è più neanche un’università dove gli studenti possano iscriversi” aggiunge Mazzarella che rilancia “questo è un punto che il partito democratico, principale sostegno parlamentare del governo Letta, deve assolutamente far valere da qui all’otto dicembre, già nel quadro della legge di stabilità, se davvero vuole avere al centro del suo programma la risorsa dell’alta formazione e della scuola per il rilancio del Sud”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©