Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Nuovi accordi in materia di sicurezza, energia e finanza

Medvedev incontra a Roma, Napolitano e Berlusconi


Medvedev incontra a Roma, Napolitano e Berlusconi
16/02/2011, 20:02

ROMA – “Spero che questo grande progetto dia un impulso ai nostri legami”. Ha esordito così il presidente russo, Dmitry Medvedev, all’inaugurazione a Roma, presso il Palazzo delle Esposizioni, dell’anno della cultura russa in Italia.
Il numero uno del Cremlino, ha sottolineato l’importanza delle operazioni d’affari tra i due paesi, ma senza tralasciare “gli aspetti legati alla cultura. Questo elemento determinerà l’immagine della nostra cooperazione anche nel XXI secolo. In Italia c’è sempre stata una grande propensione alla cultura e all’arte e lo spirito del rinascimento ha alimentato migliaia di persone e ha dato impulso anche alla cultura russa”. Medvedev ha poi ricordato come più di 45mila russi studino l’italiano, “compreso il personale del presidente”.
Definite invece “eccellenti”, da Napolitano, le relazioni bilaterali che legano i due Stati, soprattutto sul versante economico. Proprio di questo e di altro ancora parleranno in questa due giorni di visita ufficiale, Italia e Russia. “La firma di tre documenti nella sfera della sicurezza, dell’energia e della finanza, rappresenta un passo importante nella direttrice di un rafforzamento della cooperazione”. È quanto asserisce il presidente sovietico, al termine del suo incontro al Quirinale con il Capo dello Sato. Sul tema della sicurezza, Medvedev sottolinea poi che si è delineato un accordo per il transito militare “da e per l’Afghanistan”, su cui la Russia già collabora con diverse nazioni europee, compreso il bel paese. Quanto alla questione finanziaria, osserva infine, che gli Stati stanno uscendo dalla situazione di crisi e che “l’euro ha rappresentato un sostegno anche per quei paesi che non lo usano come moneta di pagamento”.
Soddisfatto per il buon esito di questo primissimo giorno, anche il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi. “Siamo due superpotenze culturali. Con l’iniziativa di oggi vogliamo consolidare e rendere più forte la nostra relazione ed amicizia”.

Commenta Stampa
di Dario Palladino
Riproduzione riservata ©