Politica / Politica

Commenta Stampa

Si chiede trasparenza, democrazia e via Casaleggio

Messa on line la "Carta di Firenze". Scissione in vista nel M5S?


Messa on line la 'Carta di Firenze'. Scissione in vista nel M5S?
04/10/2019, 15:47

A soprpresa, questa mattina alle 00,01 è stata messa on line, su un apposito sito (www.cartadifirenze2019.it) la Carta di Firenze, un documento di possibili scissionisti del Movimento 5 Stelle che chiedono modifiche al partito. A scriverlo i cosiddetti "scettici", cioè coloro che non vogliono Di Maio a capo del partito. 

Il documento tratta cinque argomenti. Innanzitutto, più democrazia, con la costituzione di una struttura formata da persone regolarmente elette a livello comunale, provinciale, regionale e nazionale. Il che implica l'abbandono del "capo politico" come unica figura di riferimento. Al secondo paragrafo si passa alla piattaforma Rousseau, che deve essere gestita dal partito e deve garantire trasparenza e libertà di accesso a tutti gli attivisti. Poi si chiede maggiore trasparenza del sito "Tirendiconto", dove gli eletti devono rendicontare i soldi incassati e spesi; e anche un codice etico valido sempre per fare in modo che venga rispettato il mandato elettorale. Vengono chieste anche norme più trasparenti per gli eletti nel Movimento 5 Stelle e strumenti che permettano un continuo confronto tra eletti ed elettori. 

Chi ha buona memoria, ricorderà che questi punti (a parte quello relativo alla piattaforma Rousseau che non esisteva) erano i punti di forza della propaganda grillina quando si sono presentati alle elezioni: democrazia, massima trasparenza, contatti continui tra eletti ed elettori. Ma poi, una volta entrati in Parlamento, quella è continuata come propaganda, mentre i fatti dimostravano che M5S aveva preso tutt'altra direzione.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©